Questo sito contribuisce alla audience di

Tutti i Libri del Commissario Marè di Mario Quattrucci

Gigi Marè è un commissario attempato ma scattante, che risolve nella sua Roma dai mille volti i casi più complicati, dovendo scontrarsi con le tante arroganze del potere, e combattendole con la tenacia di chi si sente investito di una missione.






È normale, commissario Marè
L’industriale Manieri conduce una vita normale, circondato da una famiglia normale, in realtà imprigionata in un groviglio di ostilità e rancori; sullo sfondo, in un’estate torrida, l’Italia del malaffare al finire di un’epoca. Niente di più normale, perciò, se qualcuno ci lascia le penne e se nel fattaccio sono coinvolti tutti i cari parenti, possibili autori dell’assassinio. A sbrogliare l’intrigo è chiamato il commissario Marè, un “questurino” speciale, che conosce a fondo l’orrore del mondo e la precarietà della giustizia, e che condurrà le sue indagini animato dalla passione civile.

E’ Novembre, Commissario Marè

A Roma, nel novembre del 1992, un delitto e un suicidio. Alla ricerca della verità sul delitto, di cui è vittima l’economista Nicola Cusano, scoprendo e via via dipanando il groviglio di un sudicio intrigo, il commissario Marè compie un viaggio nella realtà di un tempo drammatico della storia recente, trovandosi a fare i conti con alcuni terribili misteri italiani, ma anche con se stesso. E col suo tormentato rapporto con lo Stato e con la storia da cui si sente abbandonato e tradito. Narrato in forma insieme arguta e toccante, colta e popolare, che gira intorno al linguaggio in una specie di giostra fatta di specchi, È novembre, commissario Marè è dunque un giallo ma è anche una riflessione sopra la storia italiana dei nostri anni, e sopra la crisi di generazioni, di idee e di valori che l’ha attraversata.

Una vedova per Marè

Una vedova giovane e bella, è risaputo, è sempre pericolosa. Quando poi è la vedova di un Principe dell’aristocrazia bianca nera di Roma, divenuto uno dei più potenti finanzieri del mercato globale, e uno che sapeva tutto dei misteri d’Italia degli ultimi cinquant’anni, allora sono guai. Anche per Marè, che si trova coinvolto in un nuovo intrigo familiare amoroso e politico, in una ridda di malefatte che le squisitezze dello stile Art Nouveau degli ambienti e dei protagonisti non riesce a velare. Una storia di trame di delitti e morti, di inganni e di complotti; una storia che sarebbe, senza tali piccoli accidenti, una specie di commedia all’italiana, o una pochade sgangherata, o uno sberleffo. E invece è un caso tra i più difficili e rischiosi che Marè, tra riso e sofferenza, come d’uso piagnenno e magnanno, si sia trovato (contro tutti, perfino contro i suoi) ad affrontare e risolvere.

Questione di Tariffe, Commisario Marè

In una lussuosa villa dalle parti dell’Appia Antica viene rinvenuto il cadavere di Ugo Alani, industriale e collezionista d’arte. Uomo raffinato e colto, senza scrupoli nell’utilizzare la corruzione e il ricatto, convinto che sia sempre questione di tariffe, e che tutti hanno un prezzo. Politici, banchieri, giornalisti, professionisti del crimine sono i suoi naturali interlocutori; traffico d’arte, droga, squillo, riciclaggio, compravendita di funzionari e subalterni, sue quotidiane speculazioni. A indagare sul suo assassinio è nuovamente il commissario Marè che si imbatterà ben presto, aiutato dal maresciallo Spinola dei Carabinieri di Fiano, nel delitto di una giovane donna archiviato molto tempo prima come suicidio.
In una Roma amara e impiastricciata, nella cui fatata bellezza si muovono come padroni del sistema forze oscure e trafficoni in guanti gialli, Quattrucci racconta una storia avvincente con un linguaggio ironico e irriverente che sfocerà in un finale imprevedibile.

Hai perso, Commissario Marè

Il commissario Marè è incaricato dall’ex senatore Vanni Revelli di ritrovare la nipote misteriosamente scomparsa. Il padre della ragazza è un pezzo da novanta della finanza che, a suo tempo, ha rotto col genitore e ha realizzato il famoso Sistema Reveng, uno dei più forti poteri del Paese. Il magnate, pochi giorni dopo la scomparsa della figlia, viene ucciso. Marè – giunto ai ferri corti con i nuovi capi della polizia e con il nuovo governo, ma con l’ausilio del PM Auro Nicastro e di alcuni poliziotti rimastigli fedeli – si mette sulle tracce degli assassini…