Questo sito contribuisce alla audience di

Il caso Ghinellia alla fiera di Francoforte

Il romanzo oggetto di questo comunicato, Il divoratore di Lorenza Ghinelli, previsto in uscita per il 20 gennaio 2011 con la Newton Compton Editori, ha sorpreso gli operatori del settore alla Fiera di Francoforte aggiudicandosi, dopo appena due ore dalla presentazione agli editori stranieri, importanti accordi di traduzione e diffusione per il mercato estero della Spagna, dell’America Latina, del Brasile e un un ricorso all’asta (visto l’alto numero di case editrici interessate) per la concessione dei diritti in Francia e in Germania.

Spesso vi sarete chiesti in cosa consiste la famosa fiera del libro di Francoforte, che si tiene ogni anno in questo periodo e che vede la partecipazione delle maggiori case editrici italiane e non. Tra le molte altre cose, la fiera serve anche a proporre le opere italiane sul mercato estero, per accaparrarsi accordi e contratti per la divulgazione in altri paesi.

A questo proposito vorrei veramente segnalare una cosa piuttosto importante. Spesso su queste pagine abbiamo parlato dei problemi che un esordiente incontra quando si accinge a presentare la sua opera agli editori. Le scelte sono difficili e le problematiche numerose. Mandare a tappeto il manoscritto a tutti, rassegnandosi ad attendere anni prima che qualcuno si degni anche solo di rispondere? Selezionare attentamente le case editrici più adatte, identificare il referente e chiedere rispettosamente se sono interessati all’invio di una breve sinossi e dei primi capitoli del libro, sperando che accada il miracolo? Ammesso poi che si possa davvero comprendere il valore di un’opera solo leggendone i primi capitoli. Ci vorrebbe qualcuno disposto a leggerlo tutto quel libro, a fornirci almeno dei consigli, a visionare pazientemente opere di esordienti, a scavare nel substrato letterario alla ricerca di nuovi talenti.

Ecco: a volte in questo Mare Magnum (perdonate la citazione) dell’editoria qualcuno così c’è. Spesso sono le piccole case editrici (le più piccole) che si dedicano pazientemente a questo compito certosino per finire poi misconosciute e spesso nemmeno citate o ringraziate. Ora, da che mondo è mondo, si capisce, la gratitudine è una merce assai rara, ma questo non vuol dire che si debba andare avanti (pur in un settore economico commerciale come è in fondo quello dell’editoria) ignorando costantemente anche le regole più basilari della correttezza.

Preferisco non fare nomi, ma la storia recente e lontana è piena di fenomeni emergenti, astri nascenti della letteratura, ieri esimi sconosciuti, oggi saliti alla ribalta delle cronache, che, forse accecati dalle luci dei riflettori, si dimenticano di pagare i loro debiti di riconoscenza. Ora, intendiamoci, pagare in questo senso non va interpretato alla lettera. I ringraziamenti all’inizio del libro ci stanno apposta e non costano niente. Le interviste poi sono ancora un altro mezzo efficace per dire al pubblico e agli addetti ai lavori quello che va detto (o che andrebbe detto).

Insomma, è risaputo e accettato che l’ideale di ogni autore possa essere quello di arrivare a pubblicare con i grandi, essere tradotto all’estero e aggiudicarsi i maggiori riconoscimenti ma, siccome da qualche parte bisogna pur cominciare e tutti erano nessuno prima di diventare qualcuno, bisognerebbe avere quanto meno l’onestà intellettuale di lanciare, dal podio della fama, un grazie più o meno sentito a chi in fondo ci ha messo in condizioni di arrivare fin là.

Detto questo mi limito a citare integralmente il seguente comunicato stampa che, da solo, racconta una storia ormai troppo consueta, alla quale abbiamo fatto l’abitudine, ma che non per questo deve diventare prammatica o repertorio abituale.

“È con grande soddisfazione che faccio conoscere la mail della Newton & Compton, pure se non viene citato il ruolo de IL FOGLIO LETTERARIO - www.ilfoglioletterario.it e di Gordiano Lupi nella scoperta di Lorenza Ghinelli. Sono cose alle quali siamo abituati, ormai. In ogni caso IL DIVORATORE è un romanzo di cui sono stato il primo lettore e il primo editore, tra l’altro fui proprio io a consigliare Lorenza di farlo leggere a Valerio Evangelisti, scrittore che stimo e rispetto. Va così il mondo. Se il talent scout fosse stato un editor di chiara fama sarebbe stato citato. In questo caso un Gordiano Lupi qualsiasi si può omettere. Non fa chic, non fa gioco, non serve a niente. Tanto prima o pi smetteremo, state tranquilli. Ci sentiamo dire che non contiamo niente, che pubblicare con Il Foglio Letterario è come non pubblicare, che contano solo i grandi editori. E detto tra noi magari è anche vero, magari siamo pure stanchi e abbiamo troppi capelli bianchi, magari ci siamo rotti le scatole di questo mondo editoriale a caccia di fenomeni, magari è ora di scrivere la parola FINE su tante avventure. Ci penseremo… Per il momento complimenti a Lorenza Ghinelli e al nostro Divoratore! “.

Il romanzo oggetto di questo comunicato, Il divoratore di Lorenza Ghinelli, previsto in uscita per il 20 gennaio 2011 con la Newton Compton Editori, ha sorpreso gli operatori del settore alla Fiera di Francoforte aggiudicandosi, dopo appena due ore dalla presentazione agli editori stranieri, importanti accordi di traduzione e diffusione per il mercato estero della Spagna, dell’America Latina, del Brasile e un un ricorso all’asta (visto l’alto numero di case editrici interessate) per la concessione dei diritti in Francia e in Germania.

Naturalmente si tratta di una bellissima notizia, che tiene alto il vessillo della giovane narrativa italiana (l’autrice è del 1981) e rincuora sia i lettori che gli addetti ai lavori, ma non va trascurato il fatto che, se non fosse stato per chi l’ha scoperta e incoraggiata all’inizio della sua carriera, a questa giovane autrice oggi non sarebbe stato possibile ambire a un simile traguardo.

In ogni caso, mille auguri a Lorenza Ghinelli di un sempre più fecondo successo, un ringraziamento a Gordiano Lupi per la segnalazione e il silente lavoro svolto, e un invito a tutti voi a leggere il romanzo non appena sarà pubblicato perché veramente, a quanto pare, promette di essere veramente interessante.

Qui potrete leggere la sinossi e la presentazione del libro: Il Divoratore di Lorenza Ghinelli.

Sabina Marchesi