Questo sito contribuisce alla audience di

EMANUELE CANONICA CONQUISTA LA “CARTA” PER L’ASIAN TOUR

17.01.2009 Emanuele Canonica, 19° con 363 colpi (72 73 75 71 72), ha conquistato una delle 40 “carte” per l’Asian Tour 2009 che erano in palio nella finale della Qualifying School, disputata sui[...]

17.01.2009
Emanuele Canonica, 19° con 363 colpi (72 73 75 71 72), ha conquistato una delle 40 “carte” per l’Asian Tour 2009 che erano in palio nella finale della Qualifying School, disputata sui due percorsi del St. Andrews 2000 GC e del Green Valley GC a Rayong in Thailandia. La gara è stata vinta dal giapponese Daisuke Maruyama (353 – 72 69 74 70 68) che ha sconfitto alla seconda buca di spareggio l’inglese Ally Mellor (70 73 70 72 68), con il quale aveva chiuso alla pari le 90 buche in cui si articolava la gara. Al terzo posto con 354 il colombiano Eduardo Herrera, al quarto con 355 il sudafricano Jamers Kamte, al quinto con 358 il cinese Ashun Wu, il sudafricano George Coetzee, il thailandese Pariya Junhasavasdikul e il giapponese Tetsuji Hiratsuka.

Il torneo, come detto, si è svolto sulla distanza di 90 buche. I 189 partecipanti hanno disputato le prime 36 buche sui due tracciati del St. Andrews 2000 GC e del Green Valley GC, poi i 120 che hanno superato il primo taglio hanno proseguito solo sul St. Andrews. Dopo 72 buche sono rimasti in corsa 89 giocatori che si sono contesi le “carte”.

Canonica, che ha tenuto una condotta molto regolare evitando rischi, è approdato alla finale classificandosi 17° con 285 colpi (71 67 74 73) nello Stage 1 al Lam Luk Ka GC di Bangkok (27 promossi), dove hanno vinto con 276 l’australiano Peter Martin e l’inglese James Hepworth. Si è giocato su tre campi (gli altri due erano gli stessi della finale) con pass assegnati complessivamente a 87 concorrenti.

Canonica è stato il terzo italiano a scegliere per l’anno 2009 la via di un circuito extraeuropeo. In precedenza hanno tentato di ottenere la “carta” per l’Australasia Tour Andrea Rota (che in finale ha mancato l’obiettivo classificandosi 65°) e Michele Zanini (che non ha superato lo Stage 1).

Argomenti