Questo sito contribuisce alla audience di

Il capro espiatorio

Siamo portati a proiettare sui soggetti ritenuti deboli i nostri aspetti indesiderati.

- Come a livello personale siamo portati a proiettare sugli altri i nostri aspetti indesiderati , così a livello di dinamiche di gruppo, in una situazione di conflitto, la tensione viene scaricata su un componente che, per qualche ragione, agli occhi degli altri, deve essere “punito”. Questi viene aggredito, allontanato o emarginato per qualche tempo. E’ il fenomeno del “capro espiatorio”.
- Per “gruppo bersaglio” s’intende invece la tendenza a scaricare caratteristiche negative su un gruppo che presenta particolari caratteristiche di debolezza sociale: minoranza dei membri, caratteristiche fisiche e culturali diverse… Tali gruppi vengono a trovarsi “sotto tiro”: ciò che dicono e fanno viene sovrastimato e condiziona la concezione che ci formiamo del gruppo stesso. Il meccanismo del “gruppo bersaglio” svolge una funzione difensiva a favore dei gruppi dominanti, salvaguardando l’autostima e l’identità degli stessi, specie in momenti di crisi.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti