Questo sito contribuisce alla audience di

Due guantoni rossi poggiati a terra

La mia casa esternamente e' un castello come quello di dracula. Un grosso portone,suono il campanello e il portone si apre da solo,richiudendosi alle mie spalle.Il pavimento e' in legno,di fronte a me(sempre in legno)un po' piu'a destra una scala...salgo e arrivo al piano superiore,di fronte a me una porta ,al suo fianco un'altra e alla mia destra una fila di porte con relative stanze saranno 7 o 8.Comunque decido di visitare la prima che ho visto,cioe' quella di fronte.E'una camera da letto,a sinistra il letto matrimoniale,piu' in la' una sedia a dondolo in vimini e una finestra, alla mia destra un cassettone con lo specchio,sul mobile una spazzola un pettine e una scatola porta oggetti.Di fronte al letto l'armadio in legno massiccio con una chiave d'oro,a sinistra di esso un'altra finestra.Esco,vado a vedere le altre stanze,sono tutte camere da letto e due bagni,l'ultima del corridoio e' chiusa a chiave,allora decido di salire ancora...arrivo all'ultimo piano e la stanza e'enorme,sempre in legno il pavimento,3 finestre alla mia destra,2 di fronte e altre 2 alla mia sinistra,vuota solo un sacco da boxe appeso proprio al centro e 1 paio di guantoni posati a terra rossi.Ciao!E.

Cara E., ti piacerebbe tanto comprenderti, ma sei un mistero a te stessa. Ti avverti contorta,con sentimenti aggressivi e distruttivi che fai fatica a riconoscerti (famiglia Adams e guantoni da box in soffitta). Ma perchè i guantoni ed il sacco da box stanno in soffitta e non in cantina? Evidentemente questo risentimento ha a che vedere con il tuo universo valoriale, con la tua valutazione delle cose, dell’amore,con la tua autostima. Qualcuno (o semplicemente qualcosa) ti ha colpito nel vivo. Ha ferito i tuoi ideali. Anche se hai deciso di non vendicarti (i guantoni sono poggiati a terra) questa cosa è tuttavia dentro di te e ti fa soffrire, scatenando una serie di riflessioni (porte all’infinito a dx). Vai cercando di comprenderti e di essere te stessa, accettandoti per quello che sei(pavimenti di legno). Ma qualcosa ti “risucchia” continuamente verso l’alto, nel Super-conscio, per razionalizzare e gestire questo sentimento aggressivo che ti crea ansia ed abbassa la tua autostima. Ma di che si tratta? Forse hai avuto un amore finito male (letto matrimoniale a sx), preceduto da sogni e speranze (più in là una sedia a dondolo e finestra).Un’amore, forse, in cui l’altro non ha avuto rispetto di te, non ha accettato la legge della gradualità. Non ha compreso che per una ragazza concedersi sessualmente spesso è qualcosa d’importante, quasi di assoluto. Adesso ti rimane il ricordo (cassettone a dx) con problemi di autostima anche fisica (specchio, pettine). Ti ritornano alla mente i momenti d’intimità (armadio massiccio con chiave d’oro di fronte al letto). Perchè l’armadio è massiccio? Forse perchè ti è costata fatica concederti, superare le tue resistenze. Sei in un momento di pessimismo. Generalizzi la tua esperienza negativa su tutte le coppie (esco, vado a vedere…sono tutte camere da letto e due bagni). E’ come dire che tutti gli amori, prima o poi, diventano materiale da espulsione (i bagni).E allora cosa fare? Sentimento di avversione racchiuso nella parte alta dell’Ego, quello che valuta, tira le somme, definisce le cose (sacco da box e guantoni). Nota anche il simbolismo fallico del sacco da box (sessualità maschile come aggressione all’integrità femminile) Ma c’è anche un sentimento d’impotente rassegnazione, di fatalismo: guantoni rossi a terra. E’ come concludere: è sempre successo così. Da che mondo è mondo. Che ne dici, cara E.? Con affetto e stima. Luciano.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti