Questo sito contribuisce alla audience di

La frase di Freud

Per Freud il conflitto interiore non è l'eccezione ma la norma della vita psichica. Come l'auriga del mito platonico cerca di tenere in armonia il cavallo nero (l'Ego inferiore) ed il cavallo bianco (l'Ego superiore), così, per Freud, il nostro Ego tiene in faticoso equilibrio il mondo dei valori e delle regole (il Super Ego) col mondo delle pulsioni (l'Es).

- Ha scritto Freud che “c’è una parte di me che odia l’altra e cerca alleati”.
- Quali risonanze provoca in te questa affermazione?

Prima risposta
- Che è vera!!! c’è un aparte di me che odia l’altra e vuole trovare alleati, e la parte che temo, quella che mi rende vulnerabile, insicura, fobica.La parte buona la odia , vuole che cambi, che si evolva. Cerca alleati, in persone che possano capire , comprendere i miei stati d’animo senza che sminuiscano ciò che provo…impossibile.Un saluto.Carla.
La Guida risponde.
…E cerca alleati anche dentro di te, coinvolgendo dimensioni mentali disposte ad approvarti ed incoraggiarti. Luciano.
Seconda risposta
- Ciao. Io non ascolto spesso l’altra parte di me. Non mi concedo tante debolezze. Lo so, non è una debolezza ma una forza avere dubbi, mettersi in discussione. Io lo faccio, ma c’è la parte più profonda di me, le mie convinzioni di fondo, il mio essere intimo, che non accettano modificazioni. Posso avere dubbi su certi giudizi, comportamenti, atteggiamenti, ma di fondo non credo che ci sia una parte di me che odia l’altra e che cerca alleati. Penso che non sarebbe molto costruttivo, sul piano concreto. Forse la mia è un’età (30) in cui è importante costruire delle certezze. Non mi sento “arrivata” ma neanche in conflitto con me stessa. E sai la cosa più strana? accetto di poter sbagliare, ma vado avanti, assumendomi le mie responsabilità di fronte a me stessa. Forse un giorno la parte oscura di me prenderà voce. Chi lo sa? Allora sarà un duetto interessante, quasi comico. Fino ad allora, non cerco alleati del “nemico”…
La guida risposnde
Ti sembra di non avere un lato oscuro. E’ così ben chiuso nel cassetto dell’inconscio che non ti accorgi di averlo. Ed è nascosto allo scopo di lasciarti tranquilla. La mente umana crea automaticamente un inconscio perchè non è pronta a conoscere tutto di se stessa. Col tempo, però, emergerà sempre meglio il lato oscuro di te. Più maturerai e più sarai in grado di sollevare il lembo che nasconde il tuo mistero e di contemplare, almeno l’ombra, del mostro che si cela dentro di te. A trentanni, sei troppo presa dal progetto vitale. Ma aspetta i cinquant’anni… Del resto, i sogni angoscianti o ricorrenti non sono che la punta emergente di un’isola sottomarina. Luciano.

. Terza risposta.

Caro Luciano, parlare di odio sarebbe esagerato…
diciamo che non mi piace quella parte di me…che a volte riesce a sovrastare l’altra parte:quella dei progetti positivi,dei buoni propositi..la parte che più mi disturba è la mia parte delle paure….che fin da bambna io chiamavo pensieri….quella parte vorrei combattere e a volte ci riesco..ma a volte no… Tina.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati