Questo sito contribuisce alla audience di

Bellezza e Amore.

Tra i filosofi antichi, Platone ha il merito di essersi occupato, in modo approfondito, della bellezza e dell’amore. Per lui, bellezza, amore, felicità, sono strettamente collegati. L’amore si serve della bellezza, come di uno strumento, per sorpassare i limiti del finito e raggiungere l’eterno, cioè la felicità. Sono tre, per Platone, le caratteristiche dell’amore… 1. L’amore è un’ammissione d’incompletezza. Accettare di amare un altro è come dichiarare a tutti di non essere autosufficienti. Rappresenta un gesto di umiltà, il riconoscimento pubblico di un limite, di una solitudine costitutiva superabile solo nella dualità. 2. L’amore è il riconoscimento di ciò che già si conosce. La scelta dell’altro non è casuale, anche quando sembra tale. E’ l’incontro con qualcuno che è già presente in noi. Chi s’innamora, in fondo, non sceglie, come non sceglie chi si guarda allo specchio. Si riconosce, si riflette. L’altro rappresenta il nostro Sé profondo, la proiezione di uno schema mentale costruito in base a modelli umani interiorizzati: figure genitoriali, insegnanti, amici, compagni, divi dello spettacolo... 3. Amare é ascendere verso l’alto. L'amore rivela, secondo Platone, la nostalgia dell'assoluto. Attraverso le forme sensibili, la nostra mente s’innalza al regno delle idee universali, a Dio.

1. Per la tradizione classica è bello ciò che è armonico, intatto,

significativo.

- “E’ bello tutto ciò che è proporzionato, integro, luminoso” (S. Agostino).

2. La bellezza ha un grande potere di seduzione perché nasconde la

verità sotto forme visibili.

- “Ma alla sola bellezza toccò il privilegio di essere la più evidente e la più amabile” (Platone).

- “Il mondo sarà salvato dalla bellezza” (Dostoevskji).

- “Fallace è la grazia e vana è la bellezza” (Bibbia, Proverbi 31,30).

3. La bellezza non è pura esteriorità ma riflesso della struttura delle cose. E’ un attributo dell’Essere al pari della verità e della bontà. Il bello contiene il vero.

- “La bellezza è lo splendore dell’Essere” (Platone).

4. Chi si lascia prendere dalla bellezza, senza saperlo, compie un viaggio verso la bontà e la verità.

- “L’essere è uno, vero, buono, bello” (S. Tommaso).

- “Il bello è la prima manifestazione di Dio” (Plotino).

5. Non potremmo scoprire la bellezza se non fosse già presente in natura.

- “Il bello è una manifestazione di arcane leggi della natura che, senza l’apparire di esso, ci sarebbero rimaste celate” (G. Goethe).

6. Ma la bellezza, pur essendo nelle cose, può essere scoperta solo dall’uomo.

- “Il bello è ciò che piace alla vista” (S. Tommaso).

- “Il bello delle cose è nella mente che le contempla” (David Hume).

7. Infatti, l’arte è una nuova creazione, una trasfigurazione del mondo.

- “Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è comparso un artista originale” (Proust).

- “Tutto il mondo si dispiega di fronte a noi impaziente che lo inventiamo, non che lo ripetiamo” (Picasso).

8. Il bello è misura e proporzione. Il sublime è eccesso, disarmonia, discordanza.

- “Il bello naturale riguarda la forma dell’oggetto, che è limitazione. Il sublime al contrario si può trovare anche in un oggetto informe, in quanto implichi e provochi la rappresentazione della illimitatezza” (Immanuel Kant).

- “Si chiama sublime un oggetto alla cui rappresentazione la nostra natura fisica sente i propri limiti” (Schiller).

9. Contrariamente al sublime, il bello non stanca mai ed ha carattere universale.

- “Il bello è ciò che piace universalmente e senza concetto” (Kant).

10. Anche se universale, l’arte, è un guardare il mondo attraverso l’occhio dell’artista.

- “Colui che gusta l’arte volge l’occhio al punto che l’artista gli ha additato, guarda per lo spiraglio che colui gli ha aperto e riproduce in sé quell’immagine” (Benedetto Croce).

11. L’opera d’arte non può avere altri scopi che non siano estetici.

- “L’arte ha il suo scopo solamente in se stessa” (Kant).

12. L’arte è “prelogica”: non va compresa razionalmente ma sentita e goduta.

- “Non l’idea, ma il sentimento, è quel che conferisce all’arte l’aerea leggerezza del simbolo” (Croce).

13. C’è un misterioso collegamento fra la bellezza e l’amore.

- “Nella misura in cui l’amore cresce in te, cresce anche la tua bellezza, poiché l’amore è la bellezza dell’anima” (Sant’Agostino).

14. L’amore è la possibilità di rispecchiarsi in un altro.

- “Cosa è un amico? Un altro te stesso” (Zenone di Cizio).

- “Chi ama cerca la parte mancante di sé” (Platone).

- “Cosa sono due amici? Un’anima sola divisa in due corpi” (Aristotele).

15. L’amore è il modo più profondo per comprendere la realtà.

- “Tutto ciò che comprendo, lo comprendo unicamente perché amo” (Lev Tolstoj).

- “Se ti fermi di fronte alle emozioni - se non ti lasci la facoltà di attraversarle - non potrai mai raggiungere il distacco, sei troppo preso dalle tue paure. Paura della sofferenza, del dolore. Paura della vulnerabilità implicita nell’amore”(M. Albom).

- “L’amore è l’unico atto razionale” (M. Albom).

16. L’amore, per alcuni aspetti, è una nostra creazione, una trasfigurazione delle cose.

- “L’amore piace più del matrimonio, per la stessa ragione per cui i romanzi piacciono più dei libri di storia” (La Rochefoucauld).

- “In amore non c’è disastro più spaventoso che la morte dell’immaginazione” (Goethe).

- “L’amore è lo scambio di due fantasie” (Chamfort).

- “L’amore è lo stato in cui l’uomo vede le cose più diverse da come sono” (Nietzsche).

- “Gl’innamorati non vedono i difetti dei loro amanti se non quando l’incanto è finito” (La Rochefoucauld).

- “Dedicati ad amare gli altri, dedicati alla comunità che ti circonda, e dedicati a creare qualcosa che ti offra uno scopo e un significato” (M. Albom).

17. L’amore può essere considerato come un’invasione nella nostra intimità.

- “Ci sono persone che ti entrano nel cuore come ladri nella notte e se ne impadroniscono per sempre” (Shahespeare).

18. L’amore è molto più di una semplice attrazione.

- “Il vero amore è come i fantasmi: tutti ne parlano ma pochi li hanno visti” (La Rochefoucauld).

- “Solo il nevrotico riesce a separare il sesso dall’amore” (Fromm).

- “Non importa quanto doniamo ma quanto amore mettiamo in quello che doniamo” (Madre Teresa di Calcutta).

19. L’amore, o è reciproco, o non è.

- “L’unico modo di avere un amico è quello di esserlo” (Emerson).

- “La cosa più importante nella vita è imparare a offrire amore e a riceverlo, lasciandolo penetrare dentro di noi. Noi crediamo di non meritare l’amore, temiamo che farlo entrare dentro di noi ci renda dei rammolliti” (M. Albom).

20. Il vero amore non è asfissiante ma lascia all’altro la libertà di svolgimento.

- “Amatevi vicendevolmente, ma il vostro amore non sia una prigione. Lasciate piuttosto un mare ondoso tra le due sponde delle vostre anime. Poiché le colonne del tempio sono distanziate” (Gibran).

- “Amore non è guardarsi a vicenda. E’ guardare insieme nella stessa direzione” (Antoine De Saint-Exupery).

21. L’amore, o trova simili, o rende simili.

- “Idem velle, idem nolle, haec vera amicitia” – Volere e non volere la stessa cosa, questa è la vera amicizia (Cicerone).

- “L’amore è desiderio di fusione, brama d’interezza” (Platone).

22. C’è uno stretto collegamento fra amore e felicità.

- “Nella sua essenza la felicità è desiderio di amare e di essere amati. In ultima istanza è il desiderio di Dio” (Poupard).

- “La vita comincia solo il giorno nel quale si ama” (Weber).

- “La vita è imparare ad amare” (Abbé Pierre).

23. L’amore è una forza irresistibile.

- “Omnia vincit amor” – Tutto vince l’amore (Virgilio).

24. Il vero amore è un criterio infallibile di comportamento.

- “L’amore non fa male al prossimo” (S. Paolo).

- “Ama et fac quod vis” – Ama e fa’ ciò che vuoi (S. Agostino).

- “Tutto ciò che è fatto per amore è sempre al di là del bene e del male” (Nietzsche).

25. L’amore e l’amicizia sono la possibilità più grande che riceviamo dalla vita.

- “Di tutte le cose che la saggezza ci offre per la felicità della vita, la più grande è di gran lunga

l’acquisto dell’amicizia ” (Epicuro).

26. Il vero amore non teme né il tempo né la lontananza.

- “La lontananza è la pietra di paragone dei veri affetti” (Lacordaire).

- “Verae amicitiae sempiternae sunt” – Le vere amicizie sono eterne (Cicerone).

27. L’amore è un sentimento spontaneo, non può essere provocato.

- “L’amore è un’erba spontanea, non una pianta da giardino” (Ippolito Nievo).

28. L’altro sono io. Il criterio dell’amore risiede in me stesso.

- “Fa’ all’altro ciò che vorresti fatto a te” (Gesù).

29. L’amore è ricerca dell’anima gemella, é scoperta del nostro simile.

- “Chi ama, cerca la parte mancante di sé” (Platone).

30. L’amore è un’ammissione sociale d’incompletezza.

- “L’amore è figlio di penìa (povertà) e pòros (bisogno)” (Platone).

31. La scelta dell’altro non è mai casuale. E’ l’incontro con qualcuno già presente in noi.

- “Conoscere è riconoscere” (Platone).

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti