Percorso d' Esame sul Tempo.

Egr. Prof. Verdone una mia amica è in difficoltà sul percorso di studio per la maturità classica.Aveva pensato al tema del Tempo, con in latino De brevitate Vitae, in filosofia Bergson e in arte gli orologi di Dalì, ma non riesce a trovare collegamenti con storia, italiano e greco. Le sarei grato se potesse aiutarmi (ad aiutarla), a trovare i collegamenti mancanti.

- In FILOSOFIA, in alternativa a Bergson, ci sarebbe, la concezione del tempo in S. Agostino, come “dilatatio animi”. O gli esistenzialisti, in particolare Heidegger.
- In STORIA, potrebbe sviluppare il concetto di “secolo breve” espresso da Eric Hobsbawm, storico inglese di fama, in relazione al Novecento. Per Hobsbawm, il Novecento è “breve” in quanto il tempo vi è stato risucchiato, nel suo centro, come in un buco nero, dalle due guerre mondiali. In altri termini, il secolo XX è volato via veloce ed inutile, riproponendo alla fine le stesse contraddizioni del suo inizio: è iniziato con l’attentato di Sarajevo (1914), si è concluso con i cecchini di Sarajevo della guerra serbo-bosniaca, negli anni Novanta. Puoi confrontare il giudizio di Hobsbawm con quello altrettanto negativo del cardinale Carlo Maria Martini che lo definisce “secolo nullo”, cioè inutile. Oppure, col giudizio più complesso di Giovanni Paolo II che lo chiama “secolo terribile ed affascinante”.  
- In GRECO, può sviluppare la visione temporale anaciclica di Tucidide, rispetto a quella lineare-progressiva del pensiero cristiano. Può trovarne un’interessante analisi nel manuale di filosofia di Abbagnano, nella trattazione di Agostino, in relazione al suo libro “De civitate Dei”.
- In ITALIANO, potrebbe sviluppare il tema leopardiano della felicità come attesa e come ricordo (Il sabato delo villagio, A Silvia, Passero solitario, La quiete dopo la tempesta…).
Spero vada bene.  E… in bocca al lupo. Luciano.

Iolowcost

Una vita a basso costo?

Visita subito il nostro portale!

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti