Questo sito contribuisce alla audience di

Sogno di non ritrovare l'automobile.

Gentile Dott. Verdone, le vorrei raccontare un sogno che ogni tanto faccio e che mi procura un po’ di fastidio tanto da svegliarmi. Sogno di parcheggiare l’automobile in qualche posto e poi di non riuscire più a ritrovarla nonostante la cerchi affannosamente ragionando sul percorso fatto, quasi che nel frattempo anche le strade e i luoghi si siano modificati..che significa? La ringrazio......

Il sogno esprime, probabilmente, angoscia da isolamente sociale, il timore di perdere il gruppo, di non ricevere più da chi ti circonda i tanto desiderati segnali di approvazione e di riconoscimento. L’automobile, infatti, simboleggia la tua soggettività, l’ansia di sentirti approvata dalla tua coscienza, di essere intima con te stessa. Il parcheggio rimanda, invece, ad un gruppo di persone. In fondo si tratta di un conflitto fra il desiderio d’essere te stessa, preservando la tua identità, e l’aspirazione a conservare l’approvazione del gruppo. Che ne dici? Luciano.

Riscontro:

Gentile Dott. Verdone,
grazie per la risposta e per la velocità con cui ha potuto rispondermi!!
In effetti i temi che ha toccato sono molto vicini alla mia esperienza di ogni giorno..in particolare a livello lavorativo..In realtà sono ben inserita nel mio gruppo di lavoro non ho grossi problemi ed il mio lavoro mi piace (ambito sanitario) ma sento ancora, nonostante la non più giovanissima età (43), il bisogno di essere approvata dagli altri e mi sento frenata nell’andare “contro corrente” anche se a volte è quello che vorrei fare..e forse tradisco così la mia vera identità. Ci sarà un modo per risolvere questo conflitto?
Grazie ancora!

La Guida risponde:

Esiste un solo modo, quello della flessibilità adulta. Né rigidità, dunque, che non sarebbe compresa e ti emarginerebbe, nè cedimento che sarebbe letto come debolezza. Devi, allora, stabilire, quali valori sono fondamentali per te e quali negoziabili. Sui primi, devi mostrare una calma e pacata fermezza (con la tecnica del “disco rotto” che consiste nel ripetere un’affermazione di massima - tipo “Non me la sento” - dando però poche spiegazioni, se non quelle essenziali -. Sugli altri, puoi essewre flessibile. Con affetto. Luciano.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti