Questo sito contribuisce alla audience di

La terapia dell'ottimismo.

Vi sono sistemi di pensiero fondati su una visione positiva della realtà, che possiedono, di conseguenza, valore terapeutico. Vengono subito in mente due pensatori: il greco Pitagora ed il medievale Tommaso d’Aquino...

Pitagora è stato il primo a concepire l’universo come “totalità ordinata”, a definirlo col termine di “cosmos”, cioè “ordine”, “bellezza”, convinto che la realtà è dominata da regolarità matematica e finalizzata al bene del tutto.

San Tommaso ha creato, a sua volta, l’ottimismo metafisico più radicale, sintetizzato nella famosa sentenza: “Ens, unum, verum, bonum, pulchrum, convertuntur”.

Questa massima significa che una cosa che esiste (Ens), per il fatto stesso che esiste, è intrinsecamente “Una” (identica a se stessa e diversa da tutto il resto); “Vera” (rispondente ad un sistema unitario di significati ed è quindi comprensibile); “Buona” (ordinata al bene di se stessa e degli altri); “Bella” (strutturalmente ed esteticamente perfetta).

Ecco, allora, la cura per l’uomo moderno. La terapia dell’ottimismo. Sentirsi immersi nell’armonia cosmica, abbracciare col pensiero uomini e cose. Credere alla sostanziale bellezza e bontà di ogni essere. Trovare un senso in ogni avvenimento.

Mangiare uno spicchio di mela, ad occhi socchiusi, ripetendo le quattro qualità fondamentali di Tommaso.

Pensare ad una persona e cercare di comprenderla, scusarla, in base al “quadrato tomistico”: Unum, verum, bonum, pulchrum.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti