Questo sito contribuisce alla audience di

Superiorità intellettuale.

TI RACCONTO UN SOGNO. Salve Luciano, Ieri notte ho fatto un sogno che mi ha incuriosito parecchio: Ero in un paesaggio roccioso, forse ero precipitato con un'astronave su un altro pianeta. Centinaia di uomini simili a zombies (più veloci di quelli del film, più agili e più feroci) cercavano di afferrarmi. Io mi arrampicai in cima ad un'irta parete rocciosa e mi misi al riparo rimpiattato tra il suolo e il tetto (il cielo non era cielo, ma un tetto azzurro e io stavo rannicchiato con la terra sotto i piedi e la testa che batteva sul soffitto). Vidi in basso che i miei compagni di viaggio (presumo fossero sulla nave spaziale con me dato che indossavano una tuta) venivano raggiunti dagli "zombies" e mangiati vivi. Qualcuno di questi "mostri" tentò di arrivare a me ma non ce la fece, la parete rocciosa era troppo ripida. Lungo la mia ascesa sulla roccia trovai una pietra e non so per quale motivo (forse la avvertii emanare energia) dedussi che in qualche modo faceva evolvere chiunque la possedesse. Io la mangiai. Anche gli zombies volevano quella stessa pietra. Esternamente non successe niente ma mi resi conto di essere evoluto. Gli esseri carnivori si ritirarono e scapparono via. Io scesi dalla parete e ritrovai alcuni compagni rimasti vivi. Dopo poco però gli "zombies" tornarono, ma questa volta erano cambiati, erano evoluti anche loro, avevano tute spaziali e portavano con se una miriade di armi, dalle pistole ai bazooka, e sapevano parlare. Capii che uno dei nostri ci aveva tradito e fornendo loro delle armi che avevamo nella nostra nave spaziale. Posero delle armi di fronte a noi su un tavolo, ma sapevo che prenderle non ci sarebbe servito a niente data la loro superiorità numerica e le loro armi più potenti. Il capo ci rivolse la parola, non ricordo cosa disse, ma ricordo che voleva ucciderci. Si verificò però qualcosa di strano che ricordo vagamente: gli uomini che ci tenevano prigionieri non riuscivano a far funzionare un macchinario preso dalla nostra nave, non so se era un arma o altro, noi ci offrimmo di ripararlo con l'intento, in realtà, di creare con esso un esplosione che li avrebbe uccisi tutti permettendoci (forse) di salvarci. Grazie in anticipo per l'attenzione. Un saluto

Sei consapevole che intorno a te c’è un clima di aridità spirituale e di greve conformismo (paesaggio roccioso) il quale rende morti interiormente le persone che ti circondano (zombies). Ti difendi arroccandoti in un tuo mondo, fatto di realismo (piedi per terra) e di idealità (testa contro il soffitto celeste). Il segreto della tua resistenza al vuoto esistenziale che ti circonda è racchiuso nel simbolo di quella pietra: essa significa coesione mentale, razionalità autonoma, fedeltà ai principi, testardaggine, forse anche isolamento sociale. Attenersi a quei principi ti salva dalla morte interiore e ti fa sentire superiore (la pietra che fa evolvere). Prevedi, tuttavia, che anche gli altri possano pervenire a tale superiorità intellettuale, in tal caso perderesti il tuo primato e vi sarebbe una competizione fra pari. E’ probabile che tu domini l’ambiente sociale con il pensiero, il discorso e la dialettica e che tema che anche gli altri possano imitare tale abilità. Che ne dici? Fammi sapere?

Riscontro:
La ringrazio della sua interpretazione. A livello conscio probabilmente non ho mai pensato, almeno in questi termini, a me stesso. Avverto però il clima di aridità spirituale da lei descritto ed è anche vero che sono fedele ad alcuni principi e che lentamente sto isolandomi dagli altri.. Ritengo plausibile quindi anche il resto dell’interpretazione.
Grazie Mille. A presto.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti