Questo sito contribuisce alla audience di

La famiglia, scuola di umanità

Gli studi mettono in evidenza che un terzo dei figli dei divorziati presenta problemi psicologici in misura doppia rispetto ai figli dei genitori uniti. E che l’assenza del padre nell’età evolutiva espone i ragazzi a rischi quali narcisismo, depressione, ansia, scarsa autostima, passività e mancanza di progettualità, senso d’impotenza, aggressività, violenza, dipendenza da TV e Internet, dai consumi, da alcol e droga.



Un uomo può amare, solo se è stato amato. Per accettarci, abbiamo prima bisogno di sentirci riconosciuti da un padre e da una madre, di avere avuto un posto nella storia di una famiglia.
La famiglia è il luogo in cui siamo generati nella totalità di persona. E’ la dimensione in cui ciascuno riceve un volto, un valore.
Per i genitori, per i nonni, per tutta la famiglia, ogni figlio è unico, speciale, anche se provato dalla sorte, nel fisico o nella mente.
Nessun gruppo umano possiede una tale capacità generativa, nessuno ha il potere di umanizzare e personalizzare come la famiglia.
Chi ha sperimentato, nella sua infanzia, relazioni positive, sarà portato, a sua volta, ad atteggiamenti di accoglienza verso gli altri e di fiducia nella vita. Sarà più propenso a superare le difficoltà, ad aggregare gli ambienti in cui opera.
Compito primario della famiglia è dunque quello di garantire alle nuove generazioni un basilare apprendistato di affetto e di speranza. Solo così, chi viene generato, può essere, a sua volta, generativo, cioè affettivamente creativo. Dentro l’esperienza familiare ciascuno interiorizza non solo la figura del padre e della madre, ma la loro relazione e tutti i legami dell’identità familiare.
Ma oggi i genitori, se da un lato, rispetto al passato, sono diventati più sensibili e attenti alle esigenze dei figli, dall’altro, li percepiscono in modo narcisistico, come la realizzazione del desiderio di paternità e maternità, anziché come soggetti autonomi.
Alla base del rapporto genitori-figli c’è, attualmente, un atteggiamento seduttivo causato dal timore di perdere l’affetto dei figli.
Osserva il pedagogista francese Daniel Marcelli che il genitore odierno non è teso a educare, nel senso di tirar fuori le potenzialità del figlio (ex-ducere), ma ad attirare il figlio a sé (se-ducere), a compiacerlo, a sostenere ogni suo bisogno. Egli non si accorge che l’educazione esige il rispetto della distanza, in quanto un rapporto di tipo identificatorio mira alla duplicazione di se stessi nell’altro, a realizzare nell’educando ciò che non si è riusciti ad essere.
Alla figura del genitore educatore, subentra, così, quella del genitore amico che abdica alle proprie responsabilità formative.
Anche nelle cosiddette famiglie normali, ad essere indissolubile non è più il legame coniugale ma quello filiale.
La famiglia, in questo caso, non poggia più sull’alleanza fra adulti ma su quella fra genitori e figli e, spesso, sul legame tra un singolo genitore ed il figlio. Con tutto ciò che ne consegue in termini di esclusioni e ricatti.
Questi genitori dimenticano che all’interno della famiglia c’è sia una relazione orizzontale (quella tra i coniugi), sia una relazione verticale (quella tra genitori e figli), e che, quest’ultima è, per sua natura, gerarchica, asimmetrica, anche se il suo effetto conclusivo è bilaterale, circolare: chi educa, infatti, rimane, a sua volta, educato. Sottrarsi al compito di educare equivale, per un genitore, a perdere un’occasione irripetibile di crescita per se stesso.
I figli non vogliono due amori paralleli. Hanno bisogno, invece, di un amore triangolare, in cui i genitori sono innanzitutto uniti tra loro ed insieme si rivolgono al figlio. “La figura materna e la figura paterna sono complementari: l’una incarna la calda accoglienza, la comprensione, la sicurezza affettiva e il benessere; l’altra incarna l’autorità che fa crescere verso l’indipendenza, l’iniziativa, l’autonomia, la responsabilità etica, l’altruismo” (Ennio Antonelli).
Nella nostra epoca, purtroppo, gl’impegni di lavoro e soprattutto le separazioni e i divorzi dividono i genitori fra loro e li allontanano dai figli. E mentre i matrimoni calano sensibilmente ogni anno, i divorzi crescono. L’85% dei figli dei divorziati sono affidati alla madre e molti di essi (intorno al 25%) dopo circa due anni, perdono il contatto col padre.
Giustamente Benedetto XVI ha denunciato l’esigenza di un’ecologia umana da affiancare a quella ambientale: “Occorre difendere non solo la terra, l’acqua e l’aria come doni della creazione appartenenti a tutti, ma proteggere soprattutto l’uomo contro la distruzione di se stesso”.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti