Questo sito contribuisce alla audience di

Che affronto per il dio Plutone!

Plutone derubricato dalla lista dei pianeti solari

Buio, piccolo, lento: secondo gli studiosi Plutone non ha i requisiti per essere qualificato come pianeta.

Nella nuova nomenclatura astronomica ci si riferirà a quel piccolo ammasso solido che gravita nelle estreme regioni solari come ad un pianeta nano.

Per la tetraggine e la freddezza che lo contraddistinguono era stato intitolato ad un dio potentissimo e defilato, Ade, signore del sottosuolo e degli inferi, il cui nome sembrò agli antichi talmente degno di reverenza da essere sostituito con la forma antifrastica Plutone (il ricco), secondo lo stesso procedimento linguistico che valse alle Erinni il soprannome di Eumenidi (le benevole).

Plutone, pago del suo regno, sconfina di rado sulla Terra, sempre spinto dalla libidine.

Proserpina non è il solo amore che gli si ascrive.

La leggenda vuole che un giorno, per sedurre la Ninfa Menta, le apparve in tutto lo splendore del suo cocchio dorato trainato da quattro cavalli neri; la ragazza, colpita da quello status symbol né più né meno di quanto oggi si resta affascinati da una Ferrari, avrebbe anche ceduto al desiderio del potente dio se la regina Persefone non fosse intervenuta trasformandola nell’omonima erbetta dal sapore fresco e piacevole.

Il percorso mitopoietico nasce probabilmente da una nota di costume: per ovviare al lezzo fetido dei cadaveri, nelle cerimonie funebri si faceva fortemente ricorso alla menta, al rosmarino e al mirto.

Anche l’altra sortita sulla Terra, per sedurre la ninfa Leuce, non fu coronata da successo: la moglie gelosa trasformò all’istante la donna amata in un pioppo bianco, vicino alla fonte della Memoria (ossia a due passi dal loro palazzo).

Da allora Ade non è tornato più sulla Terra se non indossando l’elmo regalatogli dai Ciclopi ( da lui liberati con la mediazione di Zeus) che lo rendeva invisibile a tutti.

Dopo la rettifica alle carte del cielo, il dio/ pianeta declassato tornerà ad infilare quello stesso elmo.