Questo sito contribuisce alla audience di

Compra la gente per quello che vale...

...e rivendila per quello che crede di valere. Una lezione da Esopo (Ermes e lo scultore)

Mio padre ha una ricetta infallibile per diventare miliardari: comprare la gente per quel che vale e rivenderla per quel che crede di valere. Stigmatizza in questo modo la vanagloria che attanaglia la nostra societa’ e che e’ paradossalmente alla base dell’altro grande male del secolo: la depressione che sempre consegue alla delusione di non essere all’altezza delle proprie ambizioni.

Esopo fa trapelare questi rischi in una favola che vede Ermes protagonista:

Ermes, volendo sapere in quale considerazione fosse presso gli uomini, trasformatosi in un uomo andava nel laboratorio di uno scultore. E, avendo visto una statua di Zeus, domandava a quanto (fosse venduta). Avendogli quello risposto che (costava) una dracma, avendo sorriso, gli chiese quanto (costasse) quella di Era. Avendogli quello risposto che (era) ancor piu’ costosa, dopo aver visto anche la sua statua, ipotizzo’ che gli uomini lo valutassero molto dato che era  un messaggero e un mercante. Per questo Ermes chiese quanto (costasse) e lo scultore rispose:” Ma se comprerai le prime due, ti daro’ in regalo questa”.

Il discorso si adatta all’uomo vanaglorioso che non sta in nessuna considerazione presso gli altri.