Questo sito contribuisce alla audience di

Il giro del mondo in ottanta libri

In viaggio con la guida di Greco e Classici

Estate, tempo di viaggi.
Se la mente è il mezzo di trasporto migliore, più rapido e indolore, e se un itinerario virtuale ha il pregio di non deludere mai, può essere divertente provare a conoscere il mondo senza muoverci da casa. I libri, in questo, ci sono di grande aiuto. Purtroppo, però, il canone occidentale ci porta a prediligere testi ambientati in Europa o negli States, mentre l’Asia, l’Africa, l’Oceania restano continenti misconosciuti, di cui ignorare bellamente pensiero e stile di vita.
Mi ripropongo, così, di trascorrere del tempo in compagnia di aborigeni e di santoni, di europei e di americani attraverso una scelta di libri che non si fossilizzi più, come spesso accade, sugli autori italiani o europei, sulle storie di casa e di cosa nostra. L’idea de “il giro del mondo in ottanta libri” è nata su Anobii, quando un gruppo di appassionati lettori ha indossato virtualmente lo zaino e si è lanciato alla scoperta del mondo attraverso i libri. L’ho raccolta con passione e, approfittando dell’estate, ho deciso di condividerla con voi.
Il greco, naturalmente, resta il filo conduttore di questa guida, ma, nell’ambito dei classici, questo sovvertimento del canone servirà a relativizzare le certezze imposte dall’alto su che cosa, quando, dove e come bisogna leggere.
A quasi ogni Stato verrà dunque attribuito un libro, a seconda della nazionalità dell’autore oppure dell’ambientazione della storia. Apprezzeremo stili e modi di vita diversi dal nostro e ci confronteremo con tematiche, problemi, emozioni che il mondo occidentale non considera proprie.
In carrozza, signori, si parte!

Link correlati