Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Domanda

Domanda

Cara Professoressa Colella, mi rendo conto che a lei, con tutti quegli anni di duro studio alle spalle, questa mia e-mail parrà un insulto, ma - mi creda - non intende esserlo! Sono uno studente del liceo scientifico, quest'anno in quarta e, assolutamente senza voler darmi delle arie, posso dire di andare molto bene e di godere della stima di tutti i miei professori. Benché non abbia scelto il liceo classico, grazie alla mia meravigliosa insegnante di Lettere ho capito che voglio fare delle materie umanistiche il mio futuro, e il mio grande sogno è quello di entrare (o quantomeno provare ad entrare!) alla Normale di Pisa. Volevo chiederle questo: secondo lei, cominciando ora e dandomi ovviamente molto da fare, potrei riuscire ad imparare bene la lingua e la letteratura greche entro agosto 2007? Sia pure sincera e, se necessario, brutale! La ringrazio per la sua attenzione, auguri di buone feste, Enrico

Risposta

Caro Enrico,
ti ringrazio della tua email garbata ed ottimista. La padronanza dell'italiano e la profonda vita interiore che dimostri non mi lasciano dubbi sulla tua capacità di penetrare nei meandri della lingua e della cultura greca, anche se magari non a scadenze tanto ravvicinate.
Potresti iniziare il tuo corso di lettere classiche con altri esami e concederti ulteriore tempo per approfondire il greco.
Non saresti il primo a rinnegare gli studi scientifici: Riccardo Di Cesare, mio amico e compagno di studi, proveniva da un liceo scientifico. Ciò non gli ha impedito di laurearsi brillantemente in greco e di specializzarsi addirittura ad Atene.
La questione che vorrei invece porti è la seguente: ne vale la pena? Il mondo accademico è logoro e stantio: non si studiano i classici, ma la filologia più arida; non si leggono i colossi della letteratura greca, ma si vivisezionano i frammenti dei minimi.
E al termine di studi tanto onerosi, ci sono poche prospettive di carriera: la ricerca è in mano al baronato più clientelare, la scuola offre anni di precariato mal retribuiti e poco stimolanti.
Credo che si possa godere di più e meglio dell'inesausta lezione dei classici affiancandola ad una diversa attività lavorativa. Se comunque vorrai immolarti all'altare delle Lettere Classiche, considerami un'amica sempre disponibile, per quanto posso e so, ad aiutarti nell'impervia china che ti accingi ad affrontare.

ilg*** - 16 anni e 6 mesi fa
Registrati per commentare