Questo sito contribuisce alla audience di

Club Autobianchi A112 Abarth, intervista

Iniziamo una serie di recensioni composte da brevi interviste agli amministratori dei vari clubs, siti e forum dedicati al marchio dello Scorpione e presenti sulla rete, partendo da un club esclusivamente[...]


Iniziamo una serie di recensioni composte da brevi interviste agli amministratori dei vari clubs, siti e forum dedicati al marchio dello Scorpione e presenti sulla rete, partendo da un club esclusivamente dedicato ad un’auto storica, ultima elaborazione che vide la partecipazione diretta di Karl “Carlo” Abarth all’inizio degli anni 70, ovvero la Autobianchi A112 Abarth. Il sito internet di riferimento dell’associazione è a112abarthclub.org e ringraziando il presidente Andrea Fiorin per la disponibilità, andiamo a rivolgergli alcune domande quale rappresentante dell’amministrazione:

Buongiorno, ci può dire dove, come e quando è nata la Sua passione per questa vettura nonché l’idea di dare vita ad un club dedicato alla mitica A112 Abarth?

La passione per la vettura nasce con l’inizio della attività di navigatore rally nel 1978; infatti ho avuto la fortuna di salire quasi da subito su alcune auto del mitico “Trofeo A112 Abarth”. L’idea di aprire Club e Registro Storico, con sede a Padova, è invece datata 1989.

In particolare che emozioni Le suscita il nome Abarth?

Rappresenta la concezione più alta di “artigianato industriale”, quindi sia la capacità di migliorare auto già esistenti (vedi produzione Fiat/Autobianchi/Simca) sia di creare ex novo fantastiche auto da corsa. Del resto è difficile spiegare l’emozione nell’ascoltare una particolare tonalità di scarico od il suono di un motore “spinto”.

A livello di club, ad oggi quanti iscritti contate?

I Soci sono circa 500, tra Europa e resto del mondo. Contiamo Soci in quasi tutte le nazioni in cui la vettura fu venduta od esportata, come Francia, Svizzera, Gran Bretagna, Germania, Austria, Paesi Bassi, Grecia, Portogallo, Stati Uniti e Giappone.

Può darci una panoramica di ciò che offrite ai vostri associati?

A parte il piacere di entrare in un gruppo di appassionati “veri”, offriamo la possibilità di incontrarsi, girare con le vetture, avere dati tecnici e specifiche dall’Archivio, fare quindi vita sociale. Per i Soci italiani, anche rispondere a pratiche burocratiche riguardanti la legislazione su vetture d’epoca e d’interesse storico oppure ancora un aiuto per cercare ricambi di particolari meccanici, elettronici o di carrozzeria.

Infine sarebbe interessante avere una Sua opinione da appassionato “navigato” e competente, inerente al rinnovato progetto Abarth ed alle nuove vetture proposte dal marchio.

Secondo me le attuali proposte utilizzano il nome Abarth solo per motivi di marketing. Manca la passione per il prodotto ben fatto, limitandosi a “turbare” qualche motore ed a verniciare qualche livrea particolare. Un “tuning” un po’ elegante quindi. Mi piacerebbe che il Gruppo Fiat provasse seriamente a rinverdire i fasti sportivi delle vetture, riproponendo un Campionato o Trofeo Rally monomarca cui tutti possano partecipare con le proprie vetture marchiate Abarth, anche se l’attuale momento economico e la politica sportiva italiana non vanno certo verso questo tipo di impegno.

Di nuovo grazie per la disponibilità!

Le categorie della guida