Questo sito contribuisce alla audience di

Il quartiere Oltremosa e Simenon

Tra le tante cose, Liegi è la città natale dello scrittore

Liegi, quartiere di Simenon

Come in tante altre parti del mondo, anche molte città belghe hanno un personaggio famoso che hanno fatto assurgere a una sorta di simbolo della città. Anversa (tra le tante cose ha) Rubens, Gent Carlo V. Non s’intende qui dire che Gent si esaurisca nel fatto di aver dato i natali all’imperatore o che Anversa offra solo opere d’arte legate a Rubens, la sua casa e la sua tomba. Ma questo è abbastanza scontato. E’ però innegabile che, se in una gita a Bergamo noteremo che molte insegne ricordano che quella è la “Città dei Mille” (eh sì) e in una a Reggio Emilia vedremo tante volte la scritta “Città del Tricolore”, ad Anversa molte volte leggeremo e sentiremo il nome di Rubens, anche in ambiti non strettamente artistici, come hotel e locali.

Liegi non fa eccezione. Meglio, non tanto il Liegi in generale (dove pure non mancano riferimenti allo scrittore), quanto il quartiere d’Oltremosa (la Mosa è il fiume che attraversa Liegi), dove è nato George Simenon, di cui Repubblica ha recentemente pubblicato un articolo, “Il Simenon pensiero” e ha annunciato la nascita dell’”Auctodictionnaire Simenon“. Questo quartiere di Liegi è un trionfo di dediche allo scrittore e al suo Commissario Maigret. Solo per fare un esempio, c’è l’ostello della gioventù George Simenon di Liegi che ha sede in rue George Simenon. In questo quartiere, Simenon è nato, cresciuto e ha tratto ispirazione per alcune sue storie.

Ultimi interventi

Vedi tutti