La comunicazione in famiglia

Per comunicare in modo completo e comprendere i comportamenti dell'altro è necessario allargare lo sguardo aldilà delle parole e dei gesti, arrivando a dare spazio alla condivisione e all'ascolto della sfera emotiva.

comunicazione in famiglia

Quando si parla di comunicazione tra esseri umani si pensa subito al dialogo fatto di parole. In seconda battuta arrivano i gesti e i comportamenti che arricchiscono la comunicazone verbale: una pacca sulla spalla per incoraggiare, un tic che ci comunica l’ansia dell’altro.
Spesso ci si dimentica, o non si tiene in giusta considerazione, un altro livello di comunicazione, molto sottile e impalpabile: quella emotiva. Quest’ultima non è fatta né di parole né di gesti, spesso li contraddice o conduce su altri sentieri. La si percepisce quando si apre la porta dell’emozione, lasciando che l’empatia ci porti vicino alle sensazioni altrui, condividendone i vissuti e l’affettività.

Pensate quando qualcuno vi racconta, con distacco e razionalità, un evento drammatico: potete sentire dentro di voi nascere il pianto, la paura, la rabbia. Emozioni queste che nascono dal racconto e dalla persona che le riporta nonostante il suo atteggiamento impassibile. Oppure quando vi trovate di fronte a comportamenti apparentemente innocui che nonostante ciò scatenano reazioni violente: per capire tale processo l’etimologia di tale parola ci aiuta: la parola emozione deriva dal latino “ex-moveo”, portare fuori, smuovere. È quella parte che aggiunge forza all’azione, determinandone la direzione e l’intensità. E’ parte attiva dei nostri gesti e nelle nostre parole. Se inespressa, non solo la comunicazioni è lacunosa e non ci si capisce, ma le azione subiranno un effetto negativo, in quanto altrettanto incomprensibili.

Possiamo considerare l’emozione proprio come una forza di quelle che si studiano in fisica: come sostiene la Terza Legge di Newton: ad ogni azione corrisponde sempre una reazione uguale e contraria; ovvero, le mutue azioni di due corpi sono sempre uguali e dirette in versi opposti. Infine, queste forze, applicate a corpi diversi per quanto siano uguali ed opposte, non si annullano. Traducendo in termini psichici: tale forza emotiva deve essere applicata ed espressa. Più si spinge indietro, più essa reagisce con forza opposta: più un’emozione viene negata o repressa, maggiore sarà la sua energia per emergere ed esprimersi.

Un’altra immagine che può aiutare a comprendere come funziona il mondo emotivo dell’uomo è quella del fiume in piena: più acqua scorre in un fiume, maggiori defluenti saranno necessari per tenere un livello adeguato. Senza di essi il fiume romperà gli argini e l’esondazione potrà creare molti danni. questo fenomeno ha un effetto deleterio sulla comunicazione tra esseri umani: crea confusione, incomprensione e difficoltà nella gestione delle relazioni.

Questo meccanismo di repressione delle emozioni in alcune situazioni, come quelle professionali e sociali, viene sostenuto da ruoli stereotipati e rigidi e da obblighi che ci autoimponiamo. A livello familiare, invece, queste sovrastrutture non reggono l’impatto emotivo, vista la profondità delle relazioni e la condivisione di spazi di vita ed esperienze personali intense. Inoltre, ci sarebbe da chiedersi che senso ha nascondere i propri sentimenti di fronte alle persone con le quali si condivide un percorso di vita insieme.

Proprio per questi motivi, le relazioni familiari possono diventare uno spazio nel quale esprimere la propria parte emotiva come strumento per comprendere se stessi e l’altro. Quest’esperienza permettere di andare oltre la comprensione, creando le basi del riconoscimento e dell’autoaffermazioni, per “esportarle” all’esterno. Se non si riesce ad essere autentici nelle relazioni con i propri familiari, difficilmente lo si potrà fare in ambito sociale.

Una vera comunicazione come genitori e come coppia, una comunicazione profonda e capace di apportare trasformazioni e miglioramenti, non può tralasciare l’ascolto dell’emotività.

Iolowcost

Una vita a basso costo?

Visita subito il nostro portale!