Questo sito contribuisce alla audience di

Genitori di fronte all'omosessualità dei figli

Un sito e un film che aiutano a riflettere e ad affrontare l'omossesualità dei propri figli.

Genitori e omosessualità Due volte genitori è un film, e qualcosa più di un semplice film, che racconta il percorso di un genitore (nel film, di una madre) di fronte alla rivelazione che il proprio figlio, o la propria figlia, è omosessuale. Un percorso fatto di emozioni forti, di conflitti intensi che se adeguatamente riconosciuti, espressi, vissuti fino in fondo portano all’accettazione e alla costruzione di un rapporto ancora più profondo e autentico con se stessi e con i propri figli.

Come descrive il regista, Claudio Cipelletti:

“Il primo pensiero quando entrai in un gruppo di genitori che condividevano la loro storia dopo il coming out dei figli, fu che erano come noi, soli, emozionati, schiacciati dal giudizio della società, ma forse più smarriti. Noi da adolescenti avevamo sofferto ma ci eravamo costruiti gli anticorpi giorno per giorno crescendo. Loro, da grandi, in un giorno qualunque della loro vita, si erano trovati di fronte a una rivelazione che in un attimo aveva cancellato ogni certezza, le fondamenta di ieri e il senso del domani, i presupposti stessi della loro esistenza. Cosa hanno fatto a quel punto? ”

Un percorso individuale e contemporaneamente familiare e collettivo, che riguarda se stessi, la relazione con il figlio, il contatto con il mondo e la cultura che ci circonda. Sempre citando il regista:

“La messa in discussione del proprio ruolo di genitori, la messa in dubbio anche solo per un istante, ma talvolta per molto tempo, dell’amore per i figli, il senso di perdita, il senso di colpa, la paura del giudizio. Tutto questo accade e poi pian piano si trasforma, diventa nuova energia e porta queste famiglie verso esiti inaspettati, verso una autenticità pungente che disarma qualunque pregiudizo. L’amore trionfa, ma non basta. Bisogna mettersi in gioco. E questi genitori hanno saputo farlo fino in fondo. “

Un film non solo per chi è dentro questa tematica, ma per ogni genitore e per ogni figlio.