Questo sito contribuisce alla audience di

"Un film collettivo di quadri fissi", Il nastro bianco visto da Mariuccia Ciotta

Hollywood Life rende omaggio alla Palma d’oro 2009 Il nastro bianco di Michael Haneke, raccogliendo alcuni tra i più significativi pareri della critica italiana. Partiamo dal pezzo di Mariuccia[...]

Haneke a Cannes
Hollywood Life rende omaggio alla Palma d’oro 2009 Il nastro bianco di Michael Haneke, raccogliendo alcuni tra i più significativi pareri della critica italiana. Partiamo dal pezzo di Mariuccia Ciotta, comparso su Il manifesto del 22 maggio scorso. Eccone un estratto:

Attirato dalle dinamiche della perversione, Haneke (studioso di filosofia, psicologia e regista di teatro) realizza un film collettivo composto di quadri fissi, una sequenza di fatti ordinari disturbati da strani, perturbanti episodi in un crescendo di misteri e orrori inspiegabili. Il medico del paese cade rovinosamente da cavallo, qualcuno ha tirato un cavo nell’erba, un campo di cavoli è devastato da una falce, il figlio del barone viene ritrovato frustrato a sangue, brucia il fienile della dimora patrizia, un ragazzino handicappato è sottoposto a crudeli sevizie che lo acciecano, morti inspiegabili, suicidi… Rituali punitivi che restano senza nome. Ma non siamo a Twin Peaks. Qui regna una calma mortifera, dominata dalle direttive del pastore che educa i suoi figli a una totale ubbidienza in nome dell’«innocenza», simboleggiata da un nastro bianco che i bambini sono tenuti a portare al braccio, se sbagliano, frustrate per il «vostro bene».

Ultimi interventi

Vedi tutti