Questo sito contribuisce alla audience di

Italia.it e le altre iniziative

Italia.it e’ risorta. A poco e’ valso lo stanziamento di milioni di euro: il sito, per ora, non sembra del tutto adeguato alle attese anche se, stando a diversi esperti, e’ un lavoro[...]

Italia.it e’ risorta. A poco e’ valso lo stanziamento di milioni di euro: il sito, per ora, non sembra del tutto adeguato alle attese anche se, stando a diversi esperti, e’ un lavoro piu’ che onorevole, pur senz’infamia e senza lode. Italia.it sembra lasciare, almeno fino ad oggi, spazio ad altre iniziative simili. Le quali, grazie anche all’avvento del web 2.0, sono nate, e stanno nascendo, per promuovere il Belpaese. Oltre alle varie iniziative nazionali, ve ne sono anche di internazionali come, ad esempio, Italian World Channel realizzato negli Stati Uniti d’America, il quale si presenta come sito per coloro che vogliono essere informati su quanto e’ italiano, su quanto e’ “italian style”. E’, naturalmente, in inglese ed e’ stato finanziato da un gruppo di venture capitalist italo-americana da un pool d’imprenditori della Silicon Valley con radici nella patria di Dante. Fra i contenuti, non potevano mancare storia, cucina, arte, moda…