Questo sito contribuisce alla audience di

Facebook e Twitter, facce della stessa medaglia

Generalizzando, si potrebbe dire che ai giornalisti piacciano le mode, seguano le notizie che sono seguite dalla maggioranza dei propri colleghi, siano essi della carta stampata, della televisione o della[...]

Generalizzando, si potrebbe dire che ai giornalisti piacciano le mode, seguano le notizie che sono seguite dalla maggioranza dei propri colleghi, siano essi della carta stampata, della televisione o della radio. E, sempre generalizzando, e’ difficile che abbiano il tempo (e soprattutto la voglia) di approfondire il loro grado di conoscenza su quanto scrivono. In particolare, quando si occupano di web, non sempre, sembrano aver ben chiaro i contorni dell’argomento che stanno trattando. Sara’ per questo, che quando scrivono di social network accomunano sempre Facebok e Twitter, che sono notoriamente due servizi del tutto diversi tra loro. Ma tant’e’. L’osservazione di questo fenomeno (e anche di tanti altri s’intende) viene dal “News reference volume”, strumento di Google Trends, che permette di analizzare la frequenza con cui un termine viene citato nelle notizie. Ebbene, Facebok e Twitter viaggiano praticamente mano nella mano nella stragrande maggioranza degli articoli usciti nel 2009 sulle piattaforme sociali. Soltanto durante l’estate del 2009, Twitter ha avuto un leggero sopravvento. Nei restanti mesi, se viene nominato uno, viene puntualmente citato anche l’altro. Facebook, aperto nel 2004 ha avuto piu’ visibilita’ fino all’anno scorso, appunto fino al 2009, quando esplose il fenomeno Twitter (fondato invece nel 2006). Secondo gli operatori della stampa, sembra quasi che le due piattaforme siano facce della medesima medaglia…