Questo sito contribuisce alla audience di

Eroi italiani che innovano nonostante tutto

Wired tiene a battesimo Italian Valley (”progetti italiani che cambiano il mondo”), sito dal nome che evoca chiaramente la Silicon valley. Ma nulla e’ per caso, si tratta di pagine,[...]

Wired tiene a battesimo Italian Valley (”progetti italiani che cambiano il mondo”), sito dal nome che evoca chiaramente la Silicon valley. Ma nulla e’ per caso, si tratta di pagine, sulle quali i redattori si propongono di divulgare cio’ che gli italiani (o meglio gli “ItAliens”) sono capaci di fare nel campo del progresso tecnologico a 360 gradi. Loro, quelli di Wired Italia, capitanati da Riccardo Luna, presentano centinaia d’innovazioni in campi come l’ambiente, le comunicazioni, la conservazione, le costruzioni, l’e-government, la mobilita’, la protezione civile, la salute, la sicurezza e via di questo passo. Nell’editoriale del direttore si legge: “raccontare gli ItAliens, dare voce e forza a quegli eroi che in questo paese fanno innovazione nonostante tutto. Non e’ facile trovarle, perche’ spesso sono ignorate, ma non e’ impossibile. Perche’ esistono. E sono tante. Un giorno ne ho scoperte piu di 400 in un colpo solo…”. All’interno si trovano notizie come quelle sul telecomando incorporato nel cellulare per accedere a zone a traffico limitato, riservate, come la storia del batterio capace di fabbricare sacchetti in biopolimeri, come gestire in wireless un impianto d’irrigazione, come usare il rivelator per registrare i livelli di ozono, monossido e polveri nell’aria, come si va a caccia di abusi edilizi utilizzando il satellite. Inoltre, Italian Valley ha una grande interazione con Twitter oltre che con Facebook e YouTube e offre una geolocalizzazione dei progetti molto interessante. C’e’ poi il progetto del giorno. Un sito del genere ha chiaramente ottimi rapporti con il ministero per la publica amministrazione e l’innovazione e con l’Expo di Shanghai 2010. In ultima analisi, si potrebbe affermare che Italian Valley sia proprio un sito che mancava…