Questo sito contribuisce alla audience di

Fabulis, social network per gay

C’e’ chi teme che possa trasformarsi in una specie di ghetto per omosessuali. C’e’ chi lo ama incondizionatamente e che, al contrario, lo vede come una magnifica opportunita’[...]

C’e’ chi teme che possa trasformarsi in una specie di ghetto per omosessuali. C’e’ chi lo ama incondizionatamente e che, al contrario, lo vede come una magnifica opportunita’ per vivere alla luce del sole. E c’e’ chi ci investe soldi, molti soldi, come, ad esempio, alcuni protagonisti dell’editoria statunitense come Newsweek, Slate Magazine e la societa’ che edita il Washington Post. Si tratta di Fabulis, social network dedicato agli uomini gay, voluto e creato da una giovanissima startup, a sua volta fondata a New York City da David Bohnett, gia’ fondatore, agli inizi del web, di Geocities, piattaforma grazie alla quale, nel 1999, e’ diventato ricco dopo averla venduta a Yahoo! (che l’ha chiusa definitivamente pochi mesi fa). Fabulis, in poche settimane dalla sua apparizione in rete, ha gia’ al suo attivo piu’ di 46mila iscritti. Tutti alla ricerca su dove andare, cosa fare e quando incontrarsi. Chiaramente non vi sono preclusioni di sorta, qualsiasi persona con qualsiasi inclinazione sessuale, e’ ben accetta come vuole la tradizione delle comunita’ non eterosessuali. Pare che Fabulis offra ogni tipo d’interazione oggi permessa on line a cominciare dall’accesso tramite fConnect di Facebook fino ai concorsi per vincere viaggi (molto gettonate le crociere). Senza dimenticare la possibilita’ di creare eventi, condividere immagini, video e via di questo passo. In piu’, come su Twitter (a proposito, ecco qua l’account cinguettante di Fabulis), si puo’ scegliere di seguire chi si vuole e avere chi ci segue. Non si tratta quindi piu’ delle classiche “amicizie” a cui ci ha abituato Facebook, ma, appunto, di “Following” e “Follower”. Commenti a go-go e domande, tante domande che quando incontrano molto interesse (leggasi: risposte), permettono a chi l’ha lanciate di guadagnare dei bits, cioe’ del denaro elettronico che puo’ essere utile per alcune azioni che su Fabulis sono a pagamento. Qui si trova il canale su YouTube…