Questo sito contribuisce alla audience di

I delatori di Oliviero Toscani

Ne hanno parlato diversi giornali, segno che l’ufficio stampa sa fare il proprio lavoro. Ma per quanto riguarda la parte multimediale ci e’ stato segnalato (e noi l’abbiamo constatato)[...]

Ne hanno parlato diversi giornali, segno che l’ufficio stampa sa fare il proprio lavoro. Ma per quanto riguarda la parte multimediale ci e’ stato segnalato (e noi l’abbiamo constatato) che il sito e’ tutto in flash e che per di piu’ ricarica costantemente la pagina. La creativita’ di Oliviero Toscani e’ fuori da qualsiasi dubbio, ma il suo rapporto con la rete sembrerebbe in questo caso, poco amichevole verso i suoi utenti. Immaginiamo che del web non se ne occupi lui direttamente, per cui ci auguriamo che i ragazzi addetti alla realizzazione della parte internet trovino una soluzione per mettere on line delle pagine che siano fruibili dalla maggioranza degli internauti, togliendo quell’effetto “pagina di moda” che non ci sembra abbia nulla a che fare con la filosofia di Oliviero Toscani. Ma veniamo al sito in questione che e’ stato chiamato Nuovo paesaggio italiano e che si prefigge di denunciare la bruttezza dell’italian landspace. Ha gia’ fatto il giro del mondo la foto che ritrae la torre di Pisa con davanti una specie di capannone industriale bianco. E non si tratta di fotomontaggi. A partire dal motto “Diventiamo delatori per migliorare il nostro ambiente!” ecco che cosa si legge sul sito: “Oliviero Toscani vi invita a diventare fotografi utili. Nuovo paesaggio italiano e’ un progetto, una ricerca, che grazie al contributo di tutti, diventa un archivio multimediale, un sito internet, un’esposizione collettiva in costante agiornamento. Un contenitore culturale legato e applicato, non solo, alla territorialita’, ma anche agli usi e ai costumi degli italiani. Ognuno di noi, con i mezzi tecnologici a disposizione, con il telefonino per esempio, puo’ documentare il degrado in cui viviamo e le infinite brutture, gli sbagli, gli scempi che hanno devastato e continuano a a devastare l’italia. Evviva la fotografia, cosi’ finalmente diventera’ ‘vera arte’ non da appendere ai muri, ma memoria storica dell’umanita’”. Per partecipare inviate le vostre immagini a oppure andate su Facebook…