Questo sito contribuisce alla audience di

Troppi visitatori, chiude sito Amnesty

Quasi 4 milioni di visitatori hanno costretto alla chiusura Tyrannybook, un sito realizzato dalla sezione portoghese di Amnesty International. Si trattava di pagine finalizzate alla diffusione[...]

Quasi 4 milioni di visitatori hanno costretto alla chiusura Tyrannybook, un sito realizzato dalla sezione portoghese di Amnesty International. Si trattava di pagine finalizzate alla diffusione d’informazioni su come vengono rispettati i diritti umani da alcuni politici internazionali di primo piano. Un’enorme popolarita’ corrisponde a centinaia di migliaia di accessi contemporanei da ogni parte del mondo e questo ha sovraccaricato i server che ospitavano il sito. Un problema tira l’altro: il numero dei componenti della redazione e’ diventato improvvisamente insufficiente. E, non essendoci una sufficiente copertura finanziaria, tutto il progetto e’ tramontato. Si tratta di un caso limite causato dal fatto che Amnesty International e’ un’organizzazione no profit e, quindi, non in grado di “scalare” un progetto imprenditoriale senza adeguate sponsorizzazioni. Per chi vede sempre il bicchiere mezzo pieno, c’e’ comunque da registrare una nota positiva: esistono diversi milioni di persone interessate al delicato tema dei diritti umani. E, inoltre, quest’esperienza dimostra che contenuti impegnativi possono essere veicolati anche in modo “leggero” sfruttando gli strumenti del web 2.0 e della condivisione. D’altronde, un altro esempio di questo approccio “leggero” era gia’ stato dato dall’iniziativa della Fao, “1billionhungry“, per aiutare un miliardo di persone soffrono cronicamente di fame. Tornando a Tyrannybook, la sua grafica e l’impaginazione si richiamavano a Facebook, anche se il color dominante era il rosso anziche’ l’azzurro. Le personalita’ che erano state “monitorate” durante il periodo di apertura di Tyrannybook sono: Mahmud Ahmadinejad, Omar Hasan Ahmad al-Bashir, Hu Jintao, Kim Jong-il, Ramzan Kadyrov, Radovan Karadžic, Thomas Lubanga, Aleksandr Lukasenko, Robert Mugabe, Than Shwe…