Questo sito contribuisce alla audience di

Agli italiani piace l'email

Che cosa fa la gente quando va in rete? La Tns (Taylor Nelson Sofres del gruppo Kantar) ha provato da dare delle risposte visitando 46 nazioni, intervistando 50mila persone fra i 16 e i 60 anni, facendo[...]

Che cosa fa la gente quando va in rete? La Tns (Taylor Nelson Sofres del gruppo Kantar) ha provato da dare delle risposte visitando 46 nazioni, intervistando 50mila persone fra i 16 e i 60 anni, facendo centinaia di domande e gestendo migliaia di risposte. I risultati sono stati digitalizzati e possono essere visualizzati tramite una info-grafica on line realizzata in flash. La “lettura” di questi dati puo’ cominciare con l’analisi delle percentuali di penetrazione della rete nei singoli paesi. Che, ad esempio, negli Usa e’ pari al 76,3%. In Israele e’ del 71,6%, in Italia del 51,7%, in Cina del 31,% e in India del 6,9%. L’indagine ha anche diviso fra accessi via computer e mobili. E anche sul tipo di attivita’ svolte come social networking, preacquisti, acquisti, email, intrattenimento, giochi, studio, notizie, sport, meteo etc. Quando vanno sul web, gli italiani, sempre stando a quest’indagine, si dedicano soprattutto alla posta elettronica (ben l’86%), in seconda istanza s’informano, leggono di sport e consultano le previsione del tempo (53%). Con solo punto percentuale di distacco (52%) gli abitanti del Belpaese vanno su Facebook e siti simili. Seguono lo studio e l’approfondimento con il 43%, l’intrattenimento col 40%, i pre-acquisti col 33%, i giochi on line col 27% e, infine, lo shopping, cioe’ gli acquisti veri e propri, con un risicato 16%. Un altro dato interessante riguarda il numero medio di “amici”: gli italiani ne hanno 159. Gli americani del nord ne vantano 178, i cinesi sono a 67, i norvegesi si assestano sui 216, i brasiliani sui 231 e i norvegesi sui 233…

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • matro

    12 Feb 2011 - 14:38 - #1
    0 punti
    Up Down

    credo che la procura di milano stia per scatenare una rivoluzione popolare.