Questo sito contribuisce alla audience di

E-commerce, l'Italia s'e' desta

Fino ad oggi, gli abitanti della famosa terra che ha dato natali a poeti, esploratori, scrittori, eroi, navigatori, combattenti, viaggiatori ed avventurieri non avevano mai manifestato un grande amore per[...]

Fino ad oggi, gli abitanti della famosa terra che ha dato natali a poeti, esploratori, scrittori, eroi, navigatori, combattenti, viaggiatori ed avventurieri non avevano mai manifestato un grande amore per quanto concerne l’utilizzo della rete. Ne’, tantomeno, per il commercio elettronico. Molto sempicemente, il popolo italiano tende a non fidarsi. Usare la carta di credito on line? Per carita’, potrebbero rubarne i dati. Ecco perche’ le vendite su internet sono, fino ad ora, andate a rilento. Ma qualcosa si sta muovendo ed e’ una vera e propria sorpresa. Pur essendo, appunto, ancora molto indietro rispetto ai principali mercati internazionali, l’ecommerce italiano ottiene nel 2010 due importanti risultati: supera la soglia psicologica dell’1% sulle vendite totali al dettaglio e soprattutto fa segnare un tasso di crescita da record: +15% per la vendita dei servizi e +13% per la vendita di prodotti. Per capire la dimensione del balzo, siamo a una crescita doppia rispetto a quella dell’ecommerce in Usa per il 2010. I dati sono diffusi dall’Osservatorio della School of Management del Policlinico di Milano e da NetComm. I compratori on line italiani sono circa 8 milioni, con una spesa media annua simile a quella dei consumatori online francesi e tedeschi, compresa tra gli 800 ed i 900 euro…