Questo sito contribuisce alla audience di

Pochi minuti per creare un'app

Le applicazioni per i terminali mobili stanno vivendo un momento d’oro. Inventate da Apple per il suo iPhone (e poi per l’iPod e, adesso, per l’iPad) hanno avuto un tale successo da[...]

Le applicazioni per i terminali mobili stanno vivendo un momento d’oro. Inventate da Apple per il suo iPhone (e poi per l’iPod e, adesso, per l’iPad) hanno avuto un tale successo da creare un vero e proprio mercato. L’idea che ha portato alla loro creazione, cioe’ semplificare e ottimizzare i siti web sullo smartphone, e’ stata ora copiata anche da altre societa’. Prima fra tutte, Google, che ha messo in campo il suo Android. E la battaglia e’ iniziata. Se le app della mela morsicata possono essere gestite soltanto in sistemi operativi chiusi, quelle sono della grande G girano in ambiente aperto. Se quelle Apple non posono uscire dai terminali iPhone (iPod e iPad) quelle con il logo del robottino possono andare su qualsiasi device, a patto che utilizzi come os, appunto Android. Se quelle che si scaricano o si acquistano soltanto da iTunes sono ormai arrivate a quota 800mila, le altre sono dieci volte meno, ma stanno correndo veloci, velocissime. In tutto questo fermento, c’e’ chi ha pensato di ricavarsi una nicchia proponendo un servizio online in grado di garantire a chiunque di realizzare la sua app senza dover programmare alcunche’. Come ad esempio, App Do It (You in Your App): “soluzione facile e conveniente - si legge sulla home - per creare la tua applicazione per iPhone, iPad e Android in pochi minuti”. Promette che, al costo di mezzo caffe’ al giorno, bastano 5 passaggi per pubblicare la propria app…