Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Giornalismo investigativo negli Usa

    Storie dell’altro mondo. Una redazione no-profit che fa giornalismo investigativo. C’e’ ed esiste, per ora, soltanto negli Usa dove ProPublica e’ ormai una realta’[...]

  • Tumblr, fenomeno in crescita

    C’e’ un sito di condivisione che si sta facendo, seppur lentamente, avanti per entrare nel ristretto cerchio di quelli che hanno gia’ raggiunto il grande successo come lo sono Facebook e[...]

  • New York Times cerca moderatore online

    Fino al 2 luglio 2010, chi conosce bene l’inglese, ha esperienza nel mondo dell’informazione e in quello d’internet, potrebbe rispondere all’annuncio di offerta lavoro fatto dal[...]

  • News online, la potenza della condivisione

    L’importanza di una notizia su internet viene determinata in base a diversi fattori. Uno di questi, e’ sicuramente dato dai link che vengono creati verso la notizia stessa. Piu’ link[...]

  • Social network, privacy sotto attacco

    Il web interattivo e, soprattutto, quello partecipativo delle piattaforme sociali, continua a turbare il sonno di garanti della privacy e giornalisti. L’allarme e’ sempre lo stesso: vogliono[...]

  • Gli editori sperano nell'eReader

    Gli editori di quotidiani continuano la loro ricerca del Santo Graal, ovvero come farsi pagare la lettura delle proprie notizie su internet. Qualcuno oserebbe ripetere una vecchio detto “Chiudere la[...]

  • Wall Street Journal primo giornale Usa

    Chiudono giornali nati online come Soitu.es, i milioni di contatti che registrano le notizie in rete non riescono a coprire le spese, Rupert Murdoch rinvia l’introduzione del pagamento per i[...]

  • Rinviate le news a pagamento

    Le news a pagamento. Per ora rimane un sogno per gli editori che mettono online i loro contenuti. Anche il magnate Rupert Murdoch, proprietario della News Corporation (The Sun, Times, New York Post, The[...]

  • Due slash di troppo

    Due slash di troppo negli url. Semplificare gli indirizzi internet, ecco il rammarico di uno dei creatori del world wide web, Tim Berners-Lee. Lo scienziato lo ha recentemente confessato al New York[...]

  • Lo sfogliatore rapido di notizie

    L’idea e’ sempre quella: far pagare per le notizie online. O comunque metterle a reddito. Il problema e’ come riuscirci. Mentre Robert Murdoch annuncia che riuscira’ a monetizzare[...]