Questo sito contribuisce alla audience di

Eliseo: teatro di qualità per spettatori messi a nudo

La crisi economica - sottolineano al Teatro Eliseo - si sconfigge con un impegno ancor più grosso, con una programmazione, per la stagione 2009/2010, ancor più sfaccettata, ricca, che accoglie molti stimoli. Lo slogan: "Rinuncio a tutto, non al teatro". La nuova stagione teatrale si avvia con Woyzeck (corealizzazione Romaeuropa festival e Teatro Eliseo con il patrocinio di Ambasciata del Sudafrica)

WOYZECK
ON THE HIGHVELD
ispirato al dramma
di Georg Büchner
con Mncedisi Baldwin Shabangu

marionette
Nkosinathi Joachim Gaar
Jason Potgieter,
Hamilton Dhalamini
Busisiwe Penelope Zokuva

TEATRO ELISEO
dal 30 settembre
al 2 ottobre 2009

Una platea di spettatori messi a nudo e lo slogan della campagna promozionale: “Rinuncio a tutto. Non al teatro”… Si avvia una difficile stagione teatrale per l’Eliseo che, come tutti gli altri teatri, teme le ripercussioni della crisi economica. Con spettatori che potrebbero essere tentati a rinunciare al consumo di teatro e cultura.
Ma il teatro è vita; ed alla vita non si rinuncia. La crisi - sottolineano al Teatro Eliseo - si sconfigge con un impegno ancor più grosso, con una programmazione, per la stagione 2009/2010, ancor più sfaccettata, ricca, che accoglie molti stimoli.

Woyzeck nelle mani di uno dei più straordinari artisti a livello internazionale, William Kentridge, con uno spettacolo che gira il mondo da anni (corealizzazione Romaeuropa festival e Teatro Eliseo con il patrocinio di Ambasciata del Sudafrica); Tosca e Massimo Venturiello con un connubio stralunato di teatro e musica; Cristina Comencini torna al teatro con una commedia scritta per Rossella Falk; Furio Bordon ci regala il ritorno all’Eliseo di Massimo De Francovich; Massimo Ranieri e Maurizio Scaparro portano le atmosfere, i colori, i suoni, le musiche orientaleggianti di Bagdad e del Mediterraneo; Umberto Orsini interpreta Prospero insieme anche a Rolando Ravello per la regia di Andrea De Rosa; Anna Bonaiuto, Alessio Boni, Michela Cescon e Silvio Orlando ci fanno ridere con un graffiante testo di Yasmina Reza; un altro Shakespeare per uno dei registi/attori più eccentrici, Arturo Cirillo, con Danilo Nigrelli nella parte di Otello; Gianmarco Tognazzi in una notte all’insegna del divertimento amaro e surreale di Dürrenmatt; la tragedia greca nelle mani della grande Isa Danieli e del curioso Carlo Cerciello; la dissacrante e violenta opera di Antonio Tarantino nella ispirata interpretazione di Maria Paiato, Valter Malosti, Mauro Avogadro, Michele Di Mauro; un Goldoni elegantissimo nell’interpretazione di Galatea Ranzi; il ritorno dei fasti pirandelliani di Leo Gullotta; Vivien Leigh re-immaginata da Catherine Spaak; Nicola Piovani in concerto; la rentrèe di Copenhagen.
E poi, ancora, Fausto Paravidino sull’orlo di Ibsen; una commedia d’amore per Giampiero Rappa e Filippo Dini; una riscrittura shakespeariana per Francesco Giuffrè; l’impegno civile di Pino Caruso e Dacia Maraini.

Rivestiamo la nostra vita, andando a teatro.

Mo. Me.

Le categorie della guida