Questo sito contribuisce alla audience di

Grande successo al Teatro Brancaccio per il rock show dedicato ai Pink Floyd

"Welcome to the machine": il teatro Brancaccio, affollato da un pubblico inter-generazionale, ha accolto con entusiasmo il "rock show " dedicato ai Pink Floyd. C'è una band che si intravede dietro il velo di tulle che suona rigorosamente dal vivo per più di due ore, proponendo una intelaiatura corposa e grintosa. C'è un percorso narrativo cantato e ballato, con brani floydiani inanellati a raccontare. La recensione


Welcome to the machine. La recensione
In scena al Teatro Brancaccio fino all’11 aprile 2010

Signori benvenuti nella “macchina”. Signori benvenuti al Teatro Brancaccio dove si propone la storia di Syd (Barrett), attraverso le composizioni dei Pink Floyd.
Benvenuti negli anni a cavallo tra i 60 ed i 70, benvenuti nella Love Summer, nella Londra della “rivoluzione” pop e di costume (ricordate il film “Blow-up” di Antonioni con le musiche proprio dei Pink Floyd?).

Non c’è recitato ma un percorso narrativo cantato e ballato, con brani floydiani inanellati a raccontare. Un’operazione titanica ma suggestiva, che sta riscuotendo davvero un grande successo .

La storia è semplice: l’ascesa di una rock band sulla spinta creativa e propulsiva del suo leader. Il produttore discografico pescecane, il contorno di groupies e fidanzate e… la droga che inizialmente apre la mente ma poi fagocita, isola e distrugge.

Leggi l’intera recensione sulla Guida Rock Progressive

Le categorie della guida