Questo sito contribuisce alla audience di

Nel nome di De André premiati i giovani artisti e poeti più originali

Monna Lisa con la cuffia ad ascoltare i migliori talenti musicali... Nel nome di Fabrizio De André (a piazza Fabrizio De André) si tiene a Roma un importante concorso diretto a valorizzare i giovani talenti (i migliori artisti ma anche i migliori poeti). Un bel drappello di finalisti è pronto a contendersi il trofeo nell'ultimo week-end settembrino

PREMIO FABRIZIO DE ANDRE’
“Parlare Musica”

Piazza Fabrizio De André
Roma
24-25 settembre 2010

Si terranno a Roma nell’ultimo week-end di settembre, venerdì 24 e sabato 25, le due serate conclusive della nona edizione del “Premio Fabrizio De André - Parlare Musica”. La location non può che essere Piazza Fabrizio De André, nel quartiere Magliana.

Dichiara il Presidente del XV Municipio Gianni Paris: “E’ con viva soddisfazione che riusciamo a garantire anche per quest’anno la tenuta del Premio De André alla Magliana, nel XV Municipio di Roma. Per i giovani che si esibiscono il Premio rappresenta una grande opportunità per far emergere il proprio talento e per il quartiere una possibilità di riaffermarsi come location ideale per ospitare musiche e parole in ricordo del grande Cantautore scomparso e che qui ha trovato nel 2000 la sua piazza.”

Il Premio è organizzato dalla società Monna Lisa srl, con la direzione artistica del giornalista Massimo Cotto e di Luisa Melis, e la partecipazione di Dori Ghezzi, in veste di presidente della Giuria.

Di seguito i finalisti del Premio per le sezioni Musica e Poesia (come nelle precedenti edizioni, viene data pari importanza allo spazio dedicato alla poesia, forma espressiva nella quale Fabrizio De André ci ha lasciato segni indimenticabili).

Per la sezione “Musica”: Humus con “Cenere al vento”, Giovanna Dazzi con “Il sicario innamorato”, Maurizio Chisari con “Da grande”, Alfredo Marasti con “Happy Birthday”, Carmine Torchia con “Quest’amore”, Silvia Caracristi con “Pezzi di cielo”, Michele Marchi con “Così lontano”, Lalla Into The Garden con “Da quando elisa se n’è andata”, Costanza Paterno’ con “Rude”, Jfk E La Sua Bella Bionda con “Un certo tipo di silenzio”, Allerija con “Canzone sottovoce”.
L’artista selezionato dalla trasmissione “Liberi Gruppi” di Popolare Network è Le Pinne.

Per la sezione “Poesia”: Luigi Negroni, “Il Futuro”; Tiziana Gabrielli, “ I Giusti”; Adriana Vendemini, “Come una strada”; Ivano Sallusti, “Mezzo Secolo”; Antonio Manca “L’uomo cieco”; Alberto Canfora, “Chitarra”; Imma di Nardo, “Il politeismo dei valori”; Paolo Maria Cristalli, “Ma ti pare niente il mare?”; Dario Tornago, “ Quand che baze ‘l zel”; Giulio Croce, “Nella cinquecento” di Alessio”; Liliana Zinetti, “A Luca, alla tenerezza di un bimbo speciale”; Enza Di Cola, “Se ci penso è così”.

Il Premio aspira alla ricerca della qualità e dell’originalità, doti richieste ai partecipanti di manifestare liberamente nei vari stili musicali esistenti, dal folklore al rap, dalla ballata tradizionale al rock più sfrenato.

Le categorie della guida