Questo sito contribuisce alla audience di

Brunetta: auguri di Natale solo via e-mail

Un particolare invito è giunto nei giorni scorsi a tutte le Amministrazioni statali da parte del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta, il quale ha esortato i[...]

Un particolare invito è giunto nei giorni scorsi a tutte le Amministrazioni statali da parte del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta, il quale ha esortato i dipendenti pubblici a risparmiare carta e francobolli nell’invio degli auguri di Natale. Il consiglio di Brunetta è quello di utilizzare per lo stesso scopo la più economica posta elettronica, inviando gli auguri, per quest’anno, solamente tramite e-mail (un modo anche questo per far fronte alla famigerata crisi).

Al bando quindi i tradizionali biglietti d’auguri postali e libero spazio alla fantasia e all’impiego di gif animate, immagini colorate e musichette in formato midi per decorare le e-mail augurali, cosicché i sempre indaffarati impiegati statali potranno trovare l’ennesima scusa per sollazzarsi d’avanti al computer.

Attraverso la nota inviata il 12 novembre scorso, il Ministro sottolinea la maggiore celerità nello scambio di informazioni tra gli uffici che avviene attraverso i sistemi di comunicazione elettronica e i relativi minori costi rispetto a quanto è avvenuto finora servendosi dei mezzi basati sull’inoltro cartaceo di documenti. Brunetta fa appello alla sensibilità di tutte le pubbliche amministrazioni sull’opportunità di utilizzare tali dispendiosi sistemi di comunicazione anche per lo scambio epistolare di auguri, che tradizionalmente avviene in occasione delle festività, in particolare natalizie.

L’uso della posta elettronica comporterebbe sicuramente un notevole alleggerimento per le povere casse di Comuni ed Enti vari, evitando la spesa che ogni anno comporta l’invio dei biglietti di auguri cartacei per ciascuna Amministrazione. La possibilità di servirsi dello strumento di comunicazione elettronica è peraltro agevolata dalla più facile reperibilità sui siti Internet delle pubbliche amministrazioni degli indirizzi di posta elettronica istituzionale, di cui dispone la pubblicazione l’art. 21, comma 1, della legge 18 giugno 2009, n. 69.

Le categorie della guida