Questo sito contribuisce alla audience di

Pubblicità e panettoni - Terza parte

Continua con un nuovo appuntamento il nostro excursus negli spot televisivi che nel corso dei decenni passati hanno pubblicizzato le marche di panettoni più famose, alcuni dei quali sono rimasti[...]

Continua con un nuovo appuntamento il nostro excursus negli spot televisivi che nel corso dei decenni passati hanno pubblicizzato le marche di panettoni più famose, alcuni dei quali sono rimasti nell’immaginario collettivo con i loro slogan o con i jingle usati come sottofondo. D’altronde una efficace campagna pubblicitaria è fondamentale per trasmettere i valori di un marchio e, nel caso specifico, anche lo spirito natalizio, indispensabile per far preferire un particolare prodotto anziché un altro.

Il primo spot che vi presentiamo è quello del panettone Galbusera, che forse in pochi ricordano, anche perchè è piuttosto inquietante e decisamente poco adatto ad una festa gioiosa come il Natale. Tuttavia rispecchia molto il periodo in cui è andato in onda, essendo stato trasmesso nel 1981. Il protagonista dello spot è il famoso Mago G, personaggio kitsch che per anni ha rappresentato la Galbusera, con la sua chioma bionda e riccioluta, il cilindro colorato, i pattini ai piedi e una carriola con la quale trasportava i suoi prodotti. Qui lo vediamo comparire nell’ombra con una scorta di panettoni che brillano di luce propria. Altre persone hanno in mano gli stessi panettoni, i quali si illuminano a loro volta. Con un fischio il Mago G fa cadere giù la neve e parte una musica elettronica apparentemente coinvolgente. L’ambiente tetro e l’illuminazione spettrale completano l’opera di turbamento dello spettatore.

Sicuramente più simpatica la pubblicità della Galup, ditta di panettoni piemontese, realizzata attraverso un cartone animato che aveva come protagonista il comico Macario. Lo spot, in tv nel 1988, era anche un omaggio a quello che per anni era stato il testimonial dell’azienda di Pinerolo.

Lo spot del 1990 del “Gran Nocciolato” Maina ha invece come protagonisti due scoiattolini animati, che, approfittando delle loro dimensioni ridotte, rubano indisturbati un panettone da una pasticceria, per poter festeggiare nella maniera più adeguata il Natale con i propri piccoli. Una favola (poco educativa) firmata Maina.

Un altro spot della ditta Maina risale al 1985 ed aveva come testimonial un Nino Frassica da poco diventato famoso grazie al programma televisivo “Quelli della Notte” di Renzo Arbore. Il comico, in abiti da Babbo Natale, loda la bontà del panettone e invita tanti altri Babbo Natale provenienti da tutto il mondo a grattare la cartolina del concorso per poter vincere un diamante.

Un altro concorso era quello legato, in occasione del Natale 1986, al Mandorlato Balocco. Per l’occasione fu scelto come testimonial il grande Gino Bramieri, che nello spot indossava barba bianca e cappello rosso, ma sotto aveva i bermuda, pronto per partire per uno dei viaggi in palio.

Le categorie della guida