Christmas pudding, il dolce di Natale degli inglesi

Il dolce natalizio più tipico della cucina inglese è il Christmas pudding. Nonostante la gastronomia britannica non sia tra le più apprezzate, vi invitiamo a sperimentarne la ricetta.

Christmas pudding

Il Christmas pudding o budino di Natale è un tradizionale dolce inglese servito durante le festività natalizie. Si tratta di un sostanzioso budino fatto solitamente con farina, sugna, frutta secca e spezie, a cui possono essere aggiunti svariati altri ingredenti. Nelle famiglie inglesi la ricetta spesso viene tramandata di generazione in generazione. Il Christmas pudding è conosciuto anche come “plum pudding”, letteralmente “budino di prugne”, benché questo ingrediente non sia presente nella ricetta.

In Inghilterra la tradizione vuole che il Christmas pudding venga cucinato nel mese di novembre, all’inizio dell’Avvento, anche se poi non verrà consumato fino al 25 dicembre. Più precisamente il pudding dovrebbe essere preparato nella venticinquesima domenica dopo la Trinità, usando tredici ingredienti, per rappresentare Cristo e i discepoli, e si dice che ogni membro della famiglia dovrebbe mescolarlo con un mestolo di legno, girando da est a ovest in onore dei Re Magi. È usanza, infine, inserire nel composto del dolce delle monetine, avvolte nella carta d’alluminio, che porteranno fortuna a chi le troverà il giorno di Natale. C’è anche chi preferisce inserire un anello, premonitore di matrimonio entro un anno, oppure ditali e bottoni, al contrario per le donne indizio di nubilanza.

Le origini del Christmas pudding, secondo il principale produttore della pietanza, Matthew Walker, sarebbero da rintracciare nel “frumenty”, un bollito di montone e manzo al vino condito di prugne e uvetta, documentato fin dal XIV secolo. Verso il 1595 il “frumenty” iniziò ad evolversi in plum pudding, arricchito con uova, pangrattato e frutta secca e aromatizzato con birra. Nel 1664, tuttavia, i Puritani lo bandirono, in quanto piatto troppo ricco. Dovettero passare 50 anni finché Giorgio I non lo reintrodusse come parte delle festività natalizie del 1714, nonostante le obiezioni dei Quaccheri. Fu nell’Ottocento, però, che il Christmas pudding, ormai molto simile al dolce odierno, divenne piatto nazionale, in quanto la regina Vittoria lo faceva servire ad ogni Natale sulla tavola reale, imitata in questo da tutti i suoi sudditi.

Se volete provare a cimentarvi con la preparazione del mitico dessert delle feste inglese, vi presentiamo qui di seguito la ricetta originale, così come spiegata sul sito Londra solo andata:

Ingredienti: 200 g margarina | 350 g uvetta secca di Corinto | 200 g uva sultanina | 200 g uva passa | 50 g di canditi misti | 25 g di mandorle tritate | 175 g farina | 2 cucchiaini di spezie miste in polvere (chiodi di garofano, cannella, zenzero) | 1 cucchiaino di noce moscata in polvere | 175 g di briciole di pane fresco (pane al latte, senza crosta) | 700 g di zucchero di canna | 2 uova grosse, sbattute | la buccia ed il succo di 1 limone | 1 cucchiaio di melassa | 4 cucchiai di latte | 2 cucchiai di brandy | 1 stampo da budino dalla capacità di 1 litro | carta oleata | agrifoglio per decorare | 1 cucchiaio di brandy per flambare.

Preparazione: Imburrate lo stampo da budino con abbondante burro ed a parte anche un foglio doppio di carta oleata che vi servirà poi da coperchio per il pudding. In una ciotola grande mescolate tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno per circa 5 minuti fino ad ottenere un composto omogeneo e riempite con questo la forma imburrata. Pareggiate la superficie che deve rimanere al disotto del bordo per circa 2,5 cm e coprite con il doppio foglio di carta oleata (la parte imburrata rivolta verso l’interno) ben ripiegato tutt’intorno al bordo e legato con dello spago da cucina.

Mettete il pudding in una pentola e aggiungete dell’acqua calda in modo che ricopra la forma per 1/3. Coprite col coperchio e fate cuocere a fuoco bassa per circa 6 ore non dimenticando di aggiungere sempre l’acqua calda che mano a mano evapora. Trascorso questo tempo, togliete il pudding dall’acqua e fate raffreddare. Sostituite poi il coperchio di carta oleata con un altro che legherete come il precedente. Conservate il pudding in un luogo fresco e arieggiato.

La mattina di Natale riscaldate il pudding per circa 2 o 3 ore con lo stesso metodo che avete usato per la prima cottura, ricordandovi di sostituire di tanto in tanto l’acqua che evapora. Quando è ben caldo, rovesciatelo sul piatto di portata, decorate con l’agrifoglio, versate sulla cima un cucchiaio di brandy riscaldato in un pentolino e flambate (infiammate) a tavola. Servite accompagnato dal burro al Brandy.

Christmas pudding Christmas pudding Christmas pudding

Christmas pudding Christmas pudding Christmas pudding

Christmas pudding Christmas pudding Christmas pudding

Save n'Keep

Bookmark condivisi e privati.

Con Save n' Keep ora è possibile!

Le categorie della guida