Questo sito contribuisce alla audience di

Match point Milano

I rossoblu vincono in trasferta e vanno sul 2-0

Dopo la vittoria ottenuta dai Vipers in Gara 1, la serie di finale della RBK Hockey Cup 2005/06 si sposta sul ghiaccio del Ritten Arena dove il Renon ospita il Milano. Grande attesa per Gara 2 con i padroni di casa chiamati ad una pronta reazione per riportare la serie in equilibrio e con le vipere rossoblu vogliose di centrare un successo che ipotecherebbe la vittoria finale. La formazione di Insam si presenta a Collalbo con il roster al completo fatta eccezione per l’assenza annunciata di Chitarroni, indisponibile a causa di un infortunio maturato in semifinale.
 
Subito gran lavoro per la difesa milanese chiamata a fronteggiare nelle prime battute di gioco, una doppia superiorità numerica (penalizzati Strazzabosco e Tkaczuk) ma Eriksson e compagni si difendono con ordine. Dopo una prima fase in cui gli uomini di Ron Ivany hanno cercato di violare la porta milanese tocca ai Vipers essere pericolosi. Di Stefano è pescato molto bene davanti allo slot del Renon dopo un assist di Busillo ma il numero 16 del Milano non concretizza. La partita è molto nervosa e si lotta su ogni disco. All’11.45 Bustreo viene penalizzato: sulla superiorità numerica al 13.06 il Milano passa a condurre con un tiro da distanza ravvicinata di Lysak, abile a riprendere una corta respinta lasciata da Groeneveld su tiro dalla distanza di Tkaczuk. Il Milano potrebbe raddoppiare: Peca, schierato in attacco cerca di sorprendere l’estremo difensore del Renon che non si fa superare. Nei minuti finali del primo tempo occasione d’oro per il Renon che in superiorità colpisce la traversa piena su tiro di Halkidis ben servito da Rochefort.
 
Nel secondo tempo il Milano colpisce a freddo gli avversari. Tkazcuk vince un ingaggio, il disco arriva ad Helfer che dalla blu batte Groenveld, spiazzato da una deviazione involontaria di un suo compagno di squadra. Il Milano sembra controllare agevolmente il doppio vantaggio. Helfer e Andrea Molteni, circa a metà tempo, non riescono a finalizzare un contropiede. Immediata ripartenza dei padroni di casa che con una veloce contropiede di Blaine Down accorciano le distanze. Sulle ali dell’entusiasmo i padroni di casa cercano il colpo del pareggio ma un monumentale Eriksson nega ogni possibilità di rimonta al Renon. Anzi dopo un’azione pericolosa di Rymsha il Milano imbastisce un contropiede con Lysak che trova la seconda rete della serata battendo Groenveld con un preciso tiro all’angolino e riportando a due le reti di vantaggio per gli ospiti che chiudono sul 3-1 il secondo tempo.
 
Nel drittel finale il Milano controlla senza tanti patemi d’animo, effettuando un redditizio gioco di rimessa ed affidandosi, quando serve, alla sicurezza di un Magnus Eriksson in serata di grazia. Il Renon cerca di essere pericoloso ma sbatte contro il muro difensivo eretto dal Milano che permette alla formazione di Adolf Insam di espugnare la Ritten Arena per 3-1 e di portarsi sul 2-0 nella serie di finale.
 
Giovedì all’Agorà (ore 20.30) la possibilità per i Vipers di sfruttare il primo match-point di questa finale scudetto, davanti al proprio pubblico.

Ultimi interventi

Vedi tutti