Questo sito contribuisce alla audience di

Le Dee del Fato

L'Eterno Femminino e la Fortuna

Nella storia di ogni popolazione e nell‘immaginario collettivo di ogni generazione, da sempre, dalla prima aurora umana, campeggia imponente il “mito” del Destino…
Fato, sorte buona o cattiva, fortuna, fatalità : tanti e tanti sinonimi per parlare sempre dello stesso assillo, gioia e dolore, speranza e panico dell’uomo…il temuto e riverito Destino.

Ogni mitologia ha una sua propria rappresentazione di esso : c’è Laima, dea del Fato lituana,
poi Nortia , dea della fortuna etrusca,
ancora Morrigan la celtica e tantissime altre rappresentazioni, tutte al femminile, dello stesso argomento.

Iniziamo a vedere le caratteristiche delle piu conosciute ed interessanti protagoniste di questo importante “pezzo di storia” del bagaglio culturale mondiale.


Il Trio del Destino e la Dea del Fato (mitologia lituana)

Nella mitologia lettone e in quella lituana, la dea del Fato si chiama Laima.
Presiede alla fertilità, alla gravidanza e anche al parto, al matrimonio, alla casa in senso materiale.
Laima ha due sorelle, Karta e Dekla:
insieme compongono “il trio del Destino”.

(archetipo di Fortuna molto ricorrente in tante culture : tre figure femminili, tre Dee, che assieme curano e decidono il destino di tutto un popolo).
Basti pensare alle tre Parche della mitologia Romana, e alla tre Moire della Grecia e, andando avanti di molti millenni e pensando alle fiction, le tre sorelle Halliwell del famosissimo telefilm “Streghe”!

Nella mitologia lituana da Laima il trio prende il nome e sono infatti soprannominate per l appunto “Le Laime”.
Come tre sfaccettature di un unico oggetto, Laima e le sue sorelle hanno il compito di decidere ognuna un lato specifico del destino degli umani;
Dekla è quella meno conosciuta, finora il suo compito è stato sempre poco definibile dai pochi testi in possesso, pare comunque che abbia “responsabilità” simili a Laima, la quale è invece la piu potente delle tre, ma in misura minore
A Laima spetta di prevedere il futuro di ogni bambino che nasce, presentandosi sotto spoglie umane alla finestra della casa in cui viene alla luce, a Laima spettano le decisioni ultime su ogni destino.
Anche Karta è difficilmente individuabile, ma le tesi piu probabili sono che il suo compito consista nell’aiutare gli uomini a correggere i loro errori.

Dedicati a Laima ci sono anche dei riti, a loro volta associati all’atto del parto e tutti intenti a salvaguardare la neo mamma e soprattutto il futuro del nascituro.
Percio’ per ben disporre la Dea e farsi che il vaticinio sia favorevole e positivo, l ‘usanza vuole che si svolga una piccola festa celebrativa con tanto di offerta alla Signora del Fato (di solito il dono è un vestito o comunque un manufatto in tessuto pregiato).
Laima è anche colei che regola la Luce e il Buio, il tiglio è il suo albero sacro e il cuculo l’animale dedicato.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati