Potare il glicine

Poche, semplici nozioni per controllare vigore e fioritura di questa rampicante

Con le potature sul glicine, a seconda dell’età della pianta e dell’epoca dell’anno, si cerca di aumenta la produzione di fiori ed al contempo di contenere il rigoglio vegetativo della pianta, indirizzandone la crescita.

Su piante giovani, le potature (invernali ma anche durante la stagione vegetativa) mirano principalmente a formare ed indirizzare la struttura voluta: il glicine può essere infatti coltivato in molti modi e si può allevare non solo come rampicante, ma anche a palmetta, come arbusto medio-basso o come siepe semi-informale contro muri o recinzioni, nonchè su stelo (ad albero o mezzo alberetto).

Una norma generale delle potature (valida ovviamente anche in questo caso e quindi da seguire) dice che quanto più intense le potature, tanto più vigorosa la risposta della pianta (un minor numero di gemme significa alla ripresa un minor numero di rami, che avranno quindi maggior sviluppo individuale ed un maggior vigore).

Quando è possibile, si deve far crescere i rami principali più o meno orizzontalmente, in modo da ottenere il massimo rigoglio.
Su piante adulte di glicine, si eseguono solitamente due interventi di potatura, entrambi essenzialmente volti a stimolare la produzione fiorale. Prima di descrivere le operazioni, ricordiamo che il glicine fiorisce sulla nuova vegetazione prodotta su rami di un anno opportunamente indotti a lignificare.

All’inizio di Agosto si taglia una buona parte della nuova massa prodotta durante la stagione in corso, accorciando i rami laterali a cm 15 (4-6 foglie) dai rami principali, per formare speroni fioriferi; se questa potatura estiva è precoce, ad esempio Giugno, gli speroni che si formano possono anche fiorire nella stessa stagione.

Un procedimento più laborioso per ottenere più gemme a fiore e per stimolare la formazione di altri getti laterali consiste nel taglio della nuova vegetazione a cm 15 di lunghezza, a intervalli di due settimane, durante tutta l’estate; una cimatura costante porterà ad avere speroni più numerosi e più fitti.

Durante l’inverno (metà dicembre- tutto gennaio) si opera un ulteriore accorciamento di questi speroni a 8-10 cm, lasciando solo due o tre gemme; i fiori della stagione seguente spunteranno proprio su questi sperono

Save n'Keep

Bookmark condivisi e privati.

Con Save n' Keep ora è possibile!