Questo sito contribuisce alla audience di

La conservazione dei semi

Dopo averli raccolti

Dopo aver raccolto i semi delle nostre piante è necessario conservarli nel modo più appropriato, fino all’epoca della semina.

Per la conservazione dei semi fino al momento della semina, in genere fine inverno inizio primavera, vanno presi alcuni accorgimenti. Bisogna tenerli in un luogo asciutto, in penombra, ben aerato, con temperatura fresca (non troppo elevata, ma neppure in congelatore!), protetti da insetti e roditori.

In genere delle bustine di carta con su indicata chiaramente l’origine dei semi possono andare benissimo come contenitori.

Come eccezioni possiamo menzionare i semi oleosi che si conservano stratificati nel muschio fresco o in frigo e vanno seminati prima possibile perchè irrancidiscono perdendo il potere germinativo.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • antonio linardi

    12 Dec 2010 - 11:21 - #1
    0 punti
    Up Down

    le multinazionali,che obbligano gli ogm,distruggono sistematicamente le colture naturali e quindi i semi.Tutto ciò per costringere i popoli a dipendere e quindi con l’intento di”schiavizzare sempre più i popoli.Proteggere le colture naturali è un dovere di tutti(destra o sinistra).Ma pare che i politici ed ecclesiastici siano tutti uniti a favore dei malvagi che impongono gli ogm!E’ quindi dovere del popolo imparare a conservare e proteggere i semi della Vita!Buon lavoro!