Questo sito contribuisce alla audience di

ARISTOFANE

la scheda

ARISTOFANE

poeta greco della commedia attica antica (Atene ca. 445-dopo il 388 a.C.).

Autore di 44 commedie di cui 11 a noi pervenute.

In ordine di data sono: Gli Acarnesi (425, sul tema della pace
e della guerra), I cavalieri (424),

Le nuvole (423, satira della filosofia socratica e dei suoi
effetti diseducativi sulle giovani generazioni), Le vespe (422,
caricatura dei tribunali ateniesi), La pace (421), Gli
uccelli
(414, ritenuta il capolavoro di Aristofane, poetica esaltazione
di un mondo fiabesco, contrapposto al dissennato mondo umano), Lisistrata
(411, dove è rappresentata la notissima vicenda delle donne
che si rifiutano ai loro uomini per obbligarli alla pace), Le Tesmoforiazuse
ovvero Le donne alla festa di Demetra (411
), Le rane
(405), Le Ecclesiazuse o Le donne a parlamento (392) e
Pluto
(388), entrambe accomunate dalla polemica contro le ricchezze
iniquamente distribuite.

Tutte le commedie seguono una tradizione strutturale ben definita, nell’alternanza
di parti dialogate e di parti cantate.

Accanto alla violenza comica o alla battuta oscena, troviamo le invenzioni
della fantasia di Aristofane, che cerca frequentemente di rappresentare con
figurazioni astratte e fantastiche valori della realtà.

Ultimi interventi

Vedi tutti