Questo sito contribuisce alla audience di

ALMERICA SCHIAVO

la scheda

Almerica Schiavo

la scheda

Attrice di origini salernitane, si è imposta all’attenzione
della critica fin dal suo debutto, avvenuto con lo spettacolo teatrale “
L’affare Danton
” sotto la direzione di
Andrzey Wajda
.

Si diploma all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ‘Silvio
D’Amico’ nel 1985.

Ha lavorato con registi di fama ed esordienti come
Aldo Trionfo, Peter Stein, Luca Ronconi, Federico Tiezzi, Thierry Salmon,
Glauco Mauri
, Rita Tamburi, Luca Archibugi, Walter Malosti, Pietro
Bartolini, Melo Freni.

Con Peter Stein è stata una indimenticabile Lavinia nel “
Tito Andronico”
di William Shakespeare.

Col Luca Ronconi Ha interpretato “Misura per
misura
” di Shakespeare e l’inquietante testo, vietato
ai minori, di Antonio Sixty “L’Aquila
Bambina
”.

Nel “Sogno” di Strindberg
è stata una suggestiva figlia di Idra, diretta da Rita Tamburi, e
sempre con la Tamburi ha interpretato con autentico spirito sofocleo
“L’Antigone

Con Glauco Mauri ha recitato nel “Sogno di
una notte di mezza estate
”.

Al suo debutto cinematografico con “L’Uscita
”, regia di Marco Leto, ha vinto  il premio “Laceno
d’oro”
come miglior attrice protagonista alla XXVIII
rassegna del cinema neorealista e d’avanguardia.

Ha poi interpretato altri ruoli in “Celluloide
” di Carlo Lizzani, “Padre Pio
” di Alberto Rondalli, “Il caso vulcano”
di Antonello Grimaldi, “Terra rossa
” di Giorgio Molteni, “L’amore
imperfetto
” di Giovanni Maderna.

Sua ultima prova d’attrice è il testo “
Il mio giudice
” di Maria Pia Daniele, ispirato alla vita
di Rita Adria, una ragazza che sfidò la mafia.

Ultimi interventi

Vedi tutti