Questo sito contribuisce alla audience di

IL CARTELLONE DEL TEATRO NUOVO DI VERONA

Una stagione all'insegna dell'intrattenimento leggero. Accompagnata con un progetto di grande impegno lanciato da Gianfranco De Bosio. L'istituzione di un Teatro Stabile Veronese.

Johnny Dorelli, Marco Columbro, Anna Falchi: tre nomi in grado di richiamare per
motivi diversi il grande pubblico e di regalargli qualche ora di spensieratezza.
Compito, questo, che condividranno con gli altri protagonisti della rassegna
«Divertiamoci a teatro» che, dai primi di novembre a inizio aprile, presenterà
al Nuovo otto titoli tra prosa e musical, con tre recite per ciascuno
spettacolo, oltre a tre proposte (fuori abbonamento) per gli amanti di balletto
e operetta. Giunta alla settima edizione, la manifestazione mantiene quello che,
fin dalla nascita, è un imperativo categorico e una precisa connotazione: far
divertire gli spettatori che infatti, negli anni, hanno assistito con crescente
entusiasmo alle stagioni che si sono susseguite e che sono la risposta privata
(il Teatro Nuovo sorto nel 1846 è una struttura sostenuta dai palchettisti) alla
rassegna pubblica del Grande Teatro.
Nel presentare il cartellone, il
direttore artistico del Nuovo Paolo Valerio, ha sottolineato come questa
manifestazione sia solo uno degli aspetti delle diversificate attività di un
teatro che offre spettacoli tutto l’anno. Un teatro che è reduce dall’ennesima
fortunata edizione del ciclo “Accanto a Shakespeare”; che ha portato una serie
di allestimenti shakespeariani in musei trentini e che intende puntare sempre
più sulla produzione di spettacoli, sull’ospitalità di altre compagnie così come
su sperimentazione e ricerca, senza tralasciare quello che, secondo Valerio, è
un elemento fondamentale per Verona: la creazione di uno Stabile, proposta che,
tra l’altro, un regista di talento e fama come Gianfranco De Bosio ha
pubblicamente sostenuto dal palcoscenico del Teatro Romano.
Di carne al
fuoco, insomma, ce n’è molta, ma per ora soffermiamoci su “Divertiamoci a
teatro” che comincia all’insegna del musical, genere che i veronesi amano molto.
Via dunque il 2 novembre con Il fantasma dell’opera,
firmato da un regista apprezzato come André De La Roche; repliche il 3 e
il 4. Due settimane dopo - dal 16 al 18 novembre -
toccherà a Bersagli di vetro (presentato in prima nazionale un paio
di settimane fa a Soave) con la coppia tutta veronese Franco Oppini-Nini
Salerno . Il 30 novembre (repliche l’ 1 e il 2
dicembre ) arriveranno I ragazzi irresistibili Johnny
Dorelli e Antonio Salines .
Dal 7 al
9 dicembre , Sandra Collodel e Pino Quartullo
presenteranno Stregata dala luna per la regia del grande Gigi
Proietti. Il 2005 avrà - dall’ 11 al 13 gennaio - il
volto di Marco Columbro protagonista con Francesca
Draghetti ( della Premiata Ditta) di Funny money. Star della
celebre commedia A piedi nudi nel parco sarann
o, dal 25 al 27 gennaio
, Gianluca Guidi (il figlio di Dorelli) e
Anna Falchi.
Il musical tornerà a marzo
(dal 22 al 24) con A time for dirty and
sensuale dancing con Michele Carfora primattore. Ultimo titolo
in programma - 5, 6 e 7 aprile - Uomini sull’orlo di una crisi di nervi
con Miriana Trevisan e Gianni Garofalo . A completare
la rassegna tre spettacoli fuori abbonamento: Il lago dei cigni con
il Balletto di Mosca il 21 dicembre ; Cin
ci la il 12 febbraio con la Compagnia italiana di Operette che,
il giorno seguente, presenterà Il paese dei campanelli . Dal 20
settembre al 9 ottobre si possono confermare i vecchi abbonamenti; dal 13 al 27
ottobre sono in vendita i nuovi. In entrambi i casi, ci si può rivolgere al
Teatro Nuovo, all’Alcione o al Box Office. (

Ultimi interventi

Vedi tutti