Questo sito contribuisce alla audience di

LA BIENNALE TEATRO

Direttore Maurizio Scaparro, of course. L'immarcescibile. L'inossidabile. L'uomo per tutte le stagioni.

Venezia chiama Europa: cogliendo al volo anniversari vari di nascita e morte di Carlo Gozzi e Carlo Goldoni, il trentottesimo festival Internazionale di teatro della Biennale getta un ponte tra il palcoscenico di tradizione e quello moderno puntando proprio su “Gozzi e Goldoni europei”.
“L’evento - spiegano dall’organizzazione - riprende e rinnova lo spirito dei festival internazionali che caratterizzano la Biennale, collocandosi nei mesi estivi, dal 21 al 30 luglio, e riportando il palcoscenico veneziano non solo nei teatri della città, ma anche nei suoi campi e campielli, dove il festival nasceva nel 1934″.
Una sorta di ritorno alle origini, dunque, ma anche la voglia di costruire nella direzione di un’integrazione teatrale europea che parta da radici solidissime.
“Fare nascere-rinascere nel nuovo secolo una Città delle Arti dello Spettacolo - conferma il direttore Maurizio Scaparro -: italiana per sorte, europea per storia, internazionale per vocazione. Elitaria e di tutti.
Collegare-ricollegare con pazienza i tanti frammenti che questa città indica, offre, suggerisce. I suoi teatri, i suoi musei, i suoi spazi all’aperto, e l’Arsenale, che la Biennale ha reso negli anni patrimonio vivo per la creatività futura, non solo teatrale. E attorno, un filo d’Arianna fatto d’acqua, che unisce questo tutto, questa isola dell’utopia possibile, fino alla terraferma.
Cerchiamo di costruire, o di aiutare a costruire un sogno di cui non ignoriamo le difficoltà. Ma un sogno possibile, se Venezia vorrà. Anche per questo abbiamo cercato con fortuna nei mesi scorsi di riallacciare la festa del Carnevale al suo uso teatrale e alla conoscenza di diverse civiltà e diverse fantasie, come quella cinese de “Il drago e il leone”.
Perciò nasce ora il 38. Festival Internazionale del Teatro, riannodandosi alla tradizione alta dei teatri all’aperto, che potrà reinserire Venezia nel panorama dei grandi festival europei”.
Ripartire proprio da Gozzi e Goldoni, loro due insieme: “sia nel 2006 che nel 2007, proprio nel mese di Luglio - prosegue Scaparro -, la Biennale dedica la sua rassegna a Gozzi e Goldoni di cui si incrociano gli anniversari. Gli spazi all’aperto e quelli dell’Arsenale saranno animati notte e giorno da spettacoli, incontri, mostre, feste, e tra queste, per la prima volta, quella della consegna dei Leoni d’oro anche per il Teatro. Inoltre laboratori italiani e internazionali legati alle riflessioni sceniche d’oggi sui due grandi autori veneziani ed europei, che hanno saputo cogliere le tante inquietudini creative nel passaggio sempre incerto verso il nuovo”.
Il cartellone del festival alterna importanti presenze internazionali - a cominciare da Ellen Stewart impegnata ne Il corvo di Gozzi – a compagnie italiane finalmente riconosciute nel loro ruolo di ricerca teatrale: I Fratellini, Pantakin, La Piccionaia, Teatridithalia.
Info: www.labiennale.org
Dal 21 al 30 luglio

Ultimi interventi

Vedi tutti