Questo sito contribuisce alla audience di

Federico Seneca

Grafico pubblicitario e illustratore italiano (Fano 1891- Casnate, Como, 1976)

Si avvicina all’Arte in tenerà età, occupandosi, giovanissimo, di disegno e di ceramica. Studia all’Accademia di Belle Arti di Roma e, subito dopo la Grande Guerra, comincia a collaborare con la Perugina, realizzando alcuni manifesti pubblicitari estremamente innovativi e che gli fanno ottonere da subito una certa fama. In pochi anni diviene direttore artistico nel settore pubblicitario dell’azienda, e perdura in tale incarico qnache quando questa si fonda con un’altro pilastro emergente dell’industria alimentare italiana: la Buitoni (è il 1925). Le serie dei suoi cartelloni pubblictari (ai quali si affiancano illustrazioni per confezioni e pubblicità  su rivista) si moltiplicano e lo stile, di forte appeal internazionale, si affina. Nel 1929, Seneca ottiene il primo premio alla Mostra Internazionale di Manifesti di Monaco di Baviera. Nel 1933, ormai tra i grafici pubblicitari più apprezzati nell’Italia del Regime, apre un proprio studio a Milano e avvia importanti collaborazioni con aziende come Fiat, Cinzano, Italrajon, Modiano. Dopo il 1935 abbandona l’attività di grafico per diventare imprenditore nell’industria, e solo negli anni Cinquanta, si riapproccerà, seppur brevemente, al cartellonismo, realizzando manifesti per l’Eni e la Pibigas. Nel 1952 la sua produzione viene ospitata in mostra allestita alla Galleria Cairola di Milano. Abbandonata definitivamente l’attività nel 1959, vive ritirato nei suoi ultimi anni.
© Andrea Coppini