Questo sito contribuisce alla audience di

Francesco Tullio-Altan - La Pimpa e... gli altri

Alla galleria Arteutopia di Milano rivive il buffo mondo della cagnolina bianca a pois rossi, creata dalla matita del noto disegnatore (07/02-24/03/2007)

Francesco Tullio-Altan - La Pimpa e… gli altri
Galleria Arteutopia, via Mora 5, Milano
7 febbraio-24 marzo 2007
Orario: 10,30-13, 15-19, da martedì a sabato
Ingresso libero
Info: 0289055278, arteutopia.lp@tiscali.it

Il vignettista Francesco Tullio-Altan (Treviso, 1942), uno fra i più caustici e raffinati autori italiani (si pensi al personaggio di Cipputi), racconta: “Pimpa l’ho creata nel 1975 per mia figlia Chicca, osservando che lei, come tutti i bambini, trattava le cose come esseri animati: se sbatteva contro una sedia, per esempio, le diceva Cattiva! Così ho inventato un fumetto dove tutte le cose sono animate, tutti gli oggetti parlano.”
Il nome, invece, fu preso a prestito dal soprannome della moglie di un amico: Pimpa.
Vent’anni di fumetti ininterrotti sulle pagine del “Corrierino”, quindi i libri illustrati (dal 1978), alcune serie animate (dal 1983) tutt’ora mandate in onda dalla Rai. Addirittura una rivista (edita dalla Panini) appositamente dediczta al personaggio. I fumetti, i giochi e i racconti di Pimpa hanno avuto negli anni edizioni anche in francese, spagnolo, portoghese, giapponese, ungherese, turco.
Trentadue anni… e non li dimostra; è proprio il caso di dirlo. Dal 7 febbraio al 24 marzo 2007 la Galleria Arteutopia, in collaborazione con Quipos e Franco Panini Ragazzi, dedica una mostra al magico mondo della cagnolina bianca a pois rossi, creato dalla matita del noto disegnatore.
“Io credo che Pimpa piaccia ai bambini perché ricorre a un gioco da loro molto amato, quello di animare tutto quello che li circonda: è uno svago che colpisce la fantasia dei piccoli e crea tra loro e la cagnetta un forte legame affettivo. Si identificano con lei, perché concepiscono il mondo nello stesso modo. Come Pimpa, che parla con le cose come se fossero vive.”
In mostra una ricca selezione di 60 tra disegni e fumetti, con il contorno di materiale video. Alla riscoperta di un mondo buffo, giocoso, fantastico, ma in cui non manca una fortebase pedagogica e morale. si è misurato con un mondo dove invece l’incanto e la magia la fanno da padroni.

© Andrea Coppini