Questo sito contribuisce alla audience di

Bali, Baird presenta il piano canadese

Critiche degli ambientalisti: non è credibile. La conferenza entra nel vivo.

Il Canada ha presentato ieri in Indonesia il suo piano per la difesa dell’ambiente. Lo ha fatto il ministro dell’Environment John Baird il quale, intervenendo alla conferenza internazionale di Bali, in Indonesia, ha detto che circa 700 aziende canadesi, tra le quali quelle che inquinano maggiormente, hanno sei mesi di tempo per presentare un rapporto al governo sullo stato delle loro emissioni prima di vedersi imporre dei tagli dal governo.

Il piano, che è stato ritenuto decisamente insufficiente dagli ambientalisti, prevede dei tagli obbligatori alle emissioni a partire già dal prossimo anno. I critici lo ritengono pieno di contraddizioni e in molti casi inconsistente. Il ministro comunque ha sottolineato che si tratta di un programma preciso e che per la prima volta in Canada vi sono delle richieste di tagli «precise ed efficaci». Baird comunque ha ammesso che si tratta solamente di un primo passo «ma decisamente nella giusta direzione» in quanto tutte le aziende dovranno ridurre di un quinto le loro emissioni nell’arco dei prossimi 12 anni.

Il rapporto sullo stato attuale delle emissioni dovrà essere presentato al governo entro il 31 maggio prossimo; ci sarà il controllo governativo sulle cifre presentate e quindi subito dopo verranno imposti i tagli. Intanto sono in pieno svolgimento i lavori della conferenza di Bali dove è stato ormai sottolineato in tutti gli interventi che il clima impazzito non è più questione di fantasia. L’effetto serra decima intere popolazioni. Il numero di disastri naturali nel 2007 aveva già superato quota 400 a tutto ottobre e oltre la metà erano legate alle condizioni atmosferiche, un «elemento che testimonia chiaramente dell’aumento dei disastri associati ai cambiamenti climatici».

L’allarme è giunto da Ginevra ed a lanciarlo è stata la Federazione internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa. Un ennesimo sos che arriva direttamente alla comunità internazionale riunita a Bali, in Indonesia, per la 13ª Conferenza internazionale Onu sui cambiamenti climatici e che vede riuniti quasi 190 Paesi e la partecipazione di 10.000 persone.

(fonte: Corriere Canadese 13.12.07)

Ultimi interventi

Vedi tutti