Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Parco nazionale di Ujung Kulon

    Ujung Kulon è meglio noto per essere l'ultimo rifigio a Giava dei rinoceronti di Sumatra, oggi ridottisi a circa 55 esemplari. Ma c'è anche molto altro, trekking, surf e spiaggie con barriere incontaminate.

  • Parco nazionale di Pangandaran

    Può considerarsi la risposta javanese alle località turistiche costiere di Bali. E' uno dei luoghi piu'idilliaci di Giava.

  • Solo - 2^ parte

    Antica capitale del regno Mataran e oggi importante centro artistico che conserva molti bei monumenti: i palazzi del sultano, il ricco museo di Kraton Radyapustaka, i deliziosi mercati di Klerver e Triwindu, e infine (a 30 chilometri) il candi Sukuh, tempio induista a forma piramidale in cui si trovano sculture erotiche e simboli sessuali.

  • Solo - 1^ parte

    Antica capitale del regno Mataran e oggi importante centro artistico che conserva molti bei monumenti: i palazzi del sultano, il ricco museo di Kraton Radyapustaka, i deliziosi mercati di Klerver e Triwindu, e infine (a 30 chilometri) il candi Sukuh, tempio induista a forma piramidale in cui si trovano sculture erotiche e simboli sessuali.

  • Prambanan dintorni - Il tempio di Sari

    Ad ovest del Prambanan.

  • Prambanan dintorni - I templi di Plaosan

    Ad est di Sewu.

  • Prambanan dintorni - Il tempio di Sewu

    Si tratta di un gruppo di templi buddisti situato a nord del gruppo centrale di Prambanan ed è facilmente raggiungibile attraverso un comodo viottolo che attraversa i giardini.

  • Prambanan dintorni - Il palazzo di Ratu Boko

    Vicinissimo al villaggio di Prambanan.

  • Prambanan dintorni - Il tempio di Sambisari

    La scoperta piu` recente della piana (gli scavi archeologici sono ancora in corso).

  • La zona archeologica di Prambanan - 3 ^ parte

    E’ considerato il massimo monumento induista dell'Indonesia. Costruito intorno all'anno 900, la sua pianta ricorda Borobudur, non fosse altro perché anche in questo caso l'obiettivo degli architetti era di rappresentare il mitico Monte Meru.