Questo sito contribuisce alla audience di

Protocollo IP

L'header del datagramma IP. Riassunto del capitolo quattordicesimo del libro "Reti di Telecomunicazioni" (autore: Achille Pattavina, edito da: McGraw-Hill). Ottimo per gli studenti dell'area dell'ingegneria dell'informazione

questo intervento è stato realizzato da lazrus@libero.it

Fornisce un tipo di trasferimento connectionless (non vi è instaurazione). Le UI sono datagrammi IP. C’è un’interazione con le entità ad un livello superiore che attuano il tcp o udp mediante le primitive send(che fornisce le istruzioni al trasferimento dati) e deliver(segnala l’arrivo dei dati). Un datagramma IP è formato da una intestazione(header) e dal campo di utente(payload)

L’header contiene:

- version (4bit), specifica la versione del p.IP;

- HLEN (4bit) indica la lunghezza dell’header in n*32bit;

- type of service (8bit) indica dei parametri sull’uso del datagramma;

- total length (16bit)indica la lung. del datagr.IP;

- idenification (16bit) identifica il datagramma nel caso fosse un frammento;

- flag(3bit), un bit MF che dice se il frammento è l’ultimo, e un bit DF che dice se il datagramma può essere frammentato;

- fragment offset (13bit) indica la posizione frammento in multipli di 64 bit;

- Time to live (8bit) contatore del numero di salti effetuati dal datagramma;

- protocol(8bit): specifica se originato da TCP o UDP;

- Header checksum (16bit) codice rivelazione errori sul contenuto dell’header;

- source address (16 bit)indirizzo ip host sorgente;

- destination addres (16bit) indirizzo host di destinazione;

- options,informazioni su funzioni aggiuntive;

- padding è un campo che garantisce che l’header abbia lungh. Multipla di 32.

IN CASO di reti disomogenee si attua la frammentazione che si può ricostruire con identification.